Datagate

Datagate è il nome che la stampa italiana ha scelto di dare alla serie di rivelazioni dell'ex tecnico della NSA e della CIA Edward Snowden, relative al programma di controllo di massa di U.S.A. e Regno Unito.

Ecco la prima cronologia delle rivelazioni.
Il 5 giugno 2013, il Guardian pubblica una serie di ordini segreti che la FISC (Foreign Intelligence Surveillance Court) impartiva a una divisione della Verizon Communication affinché fornisse una raccolta di "metadati" per tutte le telefonate che riguardassero gli Stati Uniti, incluse le telefonate locali, e quelle fatte fra gli Stati Uniti e l'estero.

Il 6 giugno 2013, il Guardian e il Washington Post rivelano l'esistenza di PRISM (un sistema elettronico clandestino di sorveglianza, che permette alla NSA di acedere a email, ricerche internet e altro tipo di traffico sul web, in tempo reale.

Il 9 giugno 2013 è la volta di Boundless Informant: è ancora il Guardian a parlarne. Boundless Informant è un sistema che dettaglia e "mappa" per nazione tutti i dati raccolti da computer e telefonate.

Il 12 giugno 2013 le notizie arrivano dalla Cina: il South China Morning Post rivela che la NSA è penetrata illegalmente in computer cinesi e di Hong Kong. fin dal 2009.

Il 17 giugno 2913 è ancora il Guardian a raccontare che nel progetto di sorveglianza globale è incluso anche il governo del Regno Unito, attraverso l'agenzia di intelligence GCHQ (Government Communications Headquarters). Che, fra l'altro, ha intercettato comunicazioni fra i politici stranieri al G20 di Londra nel 2009.

20 giugno 2013: ancora il Guardian. Questa volta vengono pubblicati due documenti segreti firmati dal generale Eric Holder, che spiegano le regole con cui la NSA opera in caso di indagini estere o statunitensi.
21 giugno 2013: altri dettagli su Tempora, il programma della GCHQ per monitorare dati di fibra ottica.

23 giugno 2013: il South China Morning Post riporta altre rivelazioni di Snowden. La NSA avrebbe hackerato le compagnie telefoniche cinesi, l'università di Pechino, Pacenet (oeratore di fibra ottica asiatico)

25 giugno 2013: il piano "b" di Snowden. Glenn Greenwald, il giornalista che ha pubblicato la maggior parte delle sue rivelazioni, spiega che la "talpa" ha diffuso in giro per il mondo file con documenti segreti della NSA, che verranno diffusi pubbblicamente qualora dovesse accadergli qualcosa. Una specie di assicurazione sulla vita, casomai andasse male il rifugio in Ecuador.

29 giugno 2013: Der Spiegel scrive che gli USA hanno spiato anche diplomatici dell'Unione Europea. Martin Schulz chiede spiegazioni, furente. Ma in serata arrivano nuove rivelazioni. Questa volta, di un ex luogotenente della marina U.S., ex collaboratore della NSA: altri 6 paesi europei, fra cui l'Italia (gli altri sono: Spagna, Germania, Francia, Danimarca e Paesi Bassi), collaboravano con gli U.S.A. nel programma di controllo globale delle comunicazioni.

Wikileaks, Assange sarà interrogato nell'ambasciata dell'Ecuador

Accordo tra Ecuador e Svezia per permettere agli inquirenti svedesi di incontrare e interrogare Julian Assange, dal 2012... Continua...

Edward Snowden sbarca su Twitter: "Mi sentite adesso?" (@Snowden)

"Prima lavoravo per il governo, adesso per il pubblico", l'esordio dell'account su Twitter della ex talpa della Nsa. Continua...

Usa: scarcerato John Kiriakou, l'agente CIA che denunciò il waterboarding

John Kiriakou è stato il primo agente a denunciare le tecniche di tortura della CIA e a essere imprigionato per questo Continua...

Datagate senza fine: gli agenti Nsa spiavano anche i famigliari

Le rivelazioni del New York Daily News fanno emergere l’utilizzo dell’intelligence a scopo famigliare Continua...

Datagate: Nsa minacciò Yahoo! per avere i dati

Dai documenti ufficiali emergono le minacce delle autorità Usa a Yahoo! pur di avere accesso ai dati di milioni di... Continua...

Datagate: compaiono anche foto osé e lettere d'amore

L'archivio Nsa contiene anche foto di persone qualunque in pose osé e mail con messaggi d'amore o di tradimento. Continua...

Vodafone: “Alcuni governi controllano i nostri utenti”

A un anno esatto dalle rivelazioni sul Datagate, la società di telefonia mobile emette un comunicato in cui dichiara... Continua...

Il Pulitzer 2014 a Guardian e Washington Post per il Datagate

Il più importante premio giornalistico va ai cronisti che hanno svelato lo scandalo delle intercettazioni NSA Continua...

Datagate: Obama riformerà l'Nsa, basta con le intercettazioni illegali

L'Nsa potrà, però, chiedere la disponibilità delle telefonate, su ordine del giudice, in caso di sospetti di... Continua...

Datagate: Zuckerberg chiama Obama

Zuckerberg chiama Obama: frustrato dai comportamenti dell'NSA. Il Datagate continua. Continua...