Regione Campania: Consiglio a domicilio


È sempre più il caso di dire che in Campania la situazione è grave ma non seria....

L'Espresso in edicola riporta questa breve notizia che, nel suo piccolo, ricomprende l'emergenza rifiuti, il problema della legalità e la questione casta.

Il Consiglio regionale della Campania si riunisce a Casal di Principe.
Una mobilitazione contro la camorra? No, non c'entra.
La richiesta di tenere nella capitale dei Casalesi le sedute della Commissione regionale affari generali nasce da una situazione agli antipodi. Il presidente della Commissione ha l'obbligo di dimora: se esce dalla cittadina rischia di tornare agli arresti. Nicola Ferrare, consigliere regionale e leader Udeur nel Casertano, è stato coinvolto nella retata di gennaio che travolse il partito di Mastella. Imprenditore attivo nel settore dei rifiuti, privo di certificato antimafia per le parentele con padrini di primo piano, è accusato per le pressioni contro i vertici dell'ospedale di Casetta.
Dopo un periodo di arresti domiciliari, ora ha l'obbligo di dimora nella città. Perciò ha chiesto alla commissione di tenere lì le riunioni.
Domanda: non sarebbe più opportuno dimettersi?

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO