Le pagelle del mercoledi

Walter Veltroni: dietrofront. Voto + 9. Il segretario del Pd: “Le conclusioni le ha tratte Berlusconi che ha strappato la tela del dialogo, prima con la vicenda Rete 4 e poi con gli emendamenti salva premier. Berlusconi al dialogo ha preferito il clima di scontro. Evidentemente vuole tenere il Paese inchiodato al passato”. Quindi, contrordine compagni! Si torna alla lotta. D’altronde, si sa, il troppo stroppia. E, comunque, una nazione non è una azienda. Non la si dirige a colpi di ordini di servizio. E prima o poi, la luna di miele finisce. Per tutti. Adesso la strada per il governo si fa in salita. Non si governa un Paese solo coi i decreti.

Silvio Berlusconi: lupus in fabula. Voto – 9. Sarà bravo, sarà tutto ma la scelta di tornare allo scontro riporta l’Italia al passato. Se quando le cose vanno bene è chi comanda il primo ad essere applaudito, quando vanno male le responsabilità non possono non andare a chi detiene il potere. La replica del portavoce Bonaiuti è sterile: “Ma Veltroni crede di essere Penelope? E’ lui che ha strappato la tela del dialogo”. Contano i fatti. In un mese il Parlamento è stato “costretto” per due volte a discutere degli interessi personali del presidente del Consiglio. Mentre il Paese resta con l’acqua alla gola, nella monnezza napoletana, in mano ai decreti.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO