Beppe Grillo sul blog attacca Letta e il decreto lavoro. Ma si sbaglia

Il leader del Movimento 5 Stelle interpreta male i requisiti richiesti per accedere ai bonus contro la disoccupazione giovanile. Ma la sua versione sta facendo il giro del web.

L'errore l'hanno fatto in tanti e c'è cascato anche Beppe Grillo, che ha mal interpretato le norme contenute nel decreto del lavoro per alleggerire la situazione della disoccupazione giovanile. Le misure presentate dal consiglio dei ministri infatti sono state spesso interpretate come fa Grillo nel suo ultimo post sul blog:

Un ragazzo per dire addio alla piaga della disoccupazione e dare questo "colpo duro" deve:
- essere privo di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi
- essere privo di un diploma di scuola media superiore o professionale
- vivere da solo con una o più persone a carico.
Quindi per accedere devi essere un disoccupato cronico (se sei a casa da cinque mesi non vale), essere un semianalfabeta (se hai studiato sono cazzi tuoi), non vivere con i genitori ma da solo (infatti un giovane senza reddito esce sempre di casa) e avere a carico la vecchia nonna o moglie e figli. Chi, in nome di Dio, possiede questi requisiti in Italia?

In verità il meccanismo non funziona così. Per accedere a questi bonus bisogna essere under 30 e avere almeno uno dei requisiti citati. In pratica, come dice la legge, "l’assunzione di cui al comma 1 deve riguardare lavoratori, di età compresa tra i 18 ed i 29 anni, che rientrino in una delle seguenti condizioni: a) siano privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi; b) siano privi di un diploma di scuola media superiore o professionale; c) vivano soli con una o più persone a carico".

Un interpretazione errata, insomma, che però sta facendo rapidamente il giro del web e di cui il leader del Movimento 5 Stelle ha approfittato per attaccare Enrico Letta.

Le movenze di Capitan Findus Letta, un po' legnose, e il naso affilato in crescita telegiornale dopo telegiornale, ne rivelano la vera essenza collodiana, pinocchiesca. Il suo eloquio è meno effervescente di quello dello psiconano, ma la sostanza è sempre quella della balla in prima serata. Dal milione di posti di lavoro di una volta ai 200.000 giovani occupati.

Vista la diffusione che hanno i post di Grillo, la speranza è che adesso l'ex comico faccia un doveroso errata corrige.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 76 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO