Ore 12 - Pd primarie: da Palermo, sberla o uppercut?

Scritto da: -

altroCi risiamo con queste primarie, alla vigilia di ogni voto sempre osannate come quintessenza della democrazia e come ricostituenti del Partito Democratico e, dopo ogni conta, sempre con strascichi velenosi deleteri per Bersani e il suo partito.

Dopo i ko di Milano, di Genova e le altre debacle degli ultimi mesi, arriva la tegolata di Palermo. Bersani non può far finta di niente, limitarsi a dire che c’è da riflettere, o, peggio ancora, a salire come fa sempre, sulla groppa del vincitore.

La bocciatura della Borsellino, candidata sostenuta dal segretario Pd (nonché da Di Pietro, Vendola e dall’ex sindaco di Palermo Leo Luca Orlando) e la nuova vittoria di un outsider, Ferrandelli, un ex Idv già cacciato da Di Pietro e qui appoggiato dai ribelli del Pd, più che una sberla è un uppercut che toglie fiato e forza ai democratici ben oltre i confini siciliani.

Stracciata la foto di Vasto? Saldato il rapporto con i centristi? Non vogliamo ripeterci sui limiti di natura organizzativa e sugli inquinamenti di vario tipo (anche i brogli …) che incidono negativamente sulle primarie del Pd. Ci preme l’analisi e il giudizio politico perché i risultati delle primarie mettono il sale su nuove e vecchie ferite del Pd.

Perché Bersani perde (quasi) sempre? Evidentemente ci sono nodi politici non risolvibili con le primarie, usate come escamotage tappabuchi o strumenti per esercitare rese dei conti interni, fra fazioni l’un contro l’altra armate. L’amalgama non riuscita ai vertici si traduce nel territorio nel peggior modo di condurre la lotta politica.

C’è un problema di identità, di progetto, di alleanze, di democrazia interna, di finanziamento al partito, alle sue correnti e ai capi bastone, di selezione e formazione dei gruppi dirigenti, nodi e bubboni che le “scorciatoie” delle primarie non risolvono. E perché no, questioni anche di onestà intellettuale, etica e moralità politica.

Si vuole, ad esempio, davvero cambiare il sistema-Sicilia? Una regione circa come l’Emilia Romagna per estensione e abitanti, ma con 25.000 mila dipendenti regionali anziché 2.500, 2.000 dirigenti invece di 200. Ecco, primarie o non primarie, discute (anche) di questo il Pd di Bersani?

Vota l'articolo:
3.50 su 5.00 basato su 2 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Ore 12 - Pd primarie: da Palermo, sberla o uppercut?

    Posted by: automatico

    tra due litiganti il pdl gode!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Ore 12 - Pd primarie: da Palermo, sberla o uppercut?

    Posted by:

    Vista l'aria che si respira in città mi auguro che gli antagonisti di Ferrandelli non indichino di votare alle prossime elezioni un candidato di destra! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Ore 12 - Pd primarie: da Palermo, sberla o uppercut?

    Posted by: ice

    @ #2 vise le frequentaizoni e gli appoggi ce ha Fernandelli (già uscito dal Pd e poi ripescato da quello stesso Luimia che appoggia Cuffaro…..)<b> io spero che trovino qualche cavillo per annullare le primarie</B> Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Ore 12 - Pd primarie: da Palermo, sberla o uppercut?

    Posted by: automatico

    che figuraccia. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Polisblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.