2 agosto, strage di Bologna. Mandanti eventuali, morti certi

Chi ha voluto l'attentato terroristico alla stazione di Bologna? Chi sono i mandanti? A chi vanno attribuiti, veramente, gli 85 morti e gli oltre 200 feriti dell'esplosione?

La vignetta è di Mauro Biani

2 agosto 2013. 33 anni fa la strage di Bologna.

Questo è uno di quegli eventi ricorrenti che non viene celebrato da un Google Doodle, che viene ricordato a stento e solo da alcuni, eppure fa parte – o meglio, dovrebbe far parte in maniera indelebile – della nostra storia e della nostra memoria collettiva. Una memoria collettiva che si perde, sia a lungo sia a breve termine, nel flusso delle notizie e della quotidianità, come un setaccio per la sabbia a maglie troppo larghe, quasi inesistenti, incapace di filtrare e trattenere persono le pietre.

La mattina di sabato 2 agosto 1980, alla stazione ferroviaria di Bologna, venne compiuto un atto terroristico.

Erano le 10.25 e si fermarono gli orologi.

La stazione di Bologna strabordava di turisti. Una valigia abbandonata nascondeva la loro fine: un ordigno di fabbricazione militare collegato ad un timer. Esplose alle 10.25, si fermarono gli orologi, crollò l'intera ala ovest dell'edificio.

Morirono 85 persone. Più di 200 furono i feriti e i mutilati.

Fra ipotesi, indagini, depistaggi, illazioni di ogni genere, si arrivò ad un processo e poi ad una condanna in Cassazione, 15 anni dopo, nel 1995: l'Associazione dei familiari delle vittime ebbe un ruolo fondamentale nel processo, e ce l'ha tutt'ora, nella memoria.

Vennero condannati gli esecutori materiali Giuseppe Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, neofascisti dei NAR (sempre autoproclamatisi innocenti). Licio Gelli (ben noto capo della loggia P2), Francesco Pazienza (ex agente dei servizi, SISMI), Pietro Musumeci e Giuseppe Belmonte (servizi segreti militari) furono condannati per depistaggio delle indagini. Ancora cinque anni dopo, nel 2000, vennero emesse condanne: a Massimo Carminati (estreminsta nero), a Federigo Mannucci Benincasa (ancora i servizi, SISMI di Firenze), Ivano Bongiovanni (legato alla destra estrema) per depistaggio. Luigi Ciavardini, infine, fu condannato per la strage a 30 anni. Nel 2007.

Ma i mandanti?

Capirete bene che è lecito chiederselo. Perché, altrimenti, illustri esponenti dei servizi italiani sarebbero intervenuti – la cosa è verità giudiziaria, conclamata – per depistare le indagini?

I mandanti, per la verità giudiziaria non ci sono. Non esistono. Perché non sono mai scoperti.

Sono eventuali.

I morti, però, quelli sono certi. Come è certo l'interessamento di figuri che a vario titolo rappresentavano le istituzioni (quelle palesi e quelle occulte) a far sì che le indagini sulla vicenda non trovassero la via.

I mandanti eventuali, in ogni caso, stanno (o sono stati) al sicuro, ben protetti. Magari ben in vista.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO