Bradley Manning dice di chiamarsi Chelsea e di voler vivere come una donna

In un comunicato ufficiale la talpa di Wikileaks annuncia di voler iniziare a prendere ormoni per diventare donna al più presto e di voler essere chiamato Chelsea.

Il giorno dopo la condanna a 35 anni di carcere e il congedo con disonore, arriva un altro colpo di scena nella storia della talpa di Wikileaks: Bradley Manning comunica ufficialmente di sentirsi femmina fin da bambino, di voler diventare donna a tutti gli effetti iniziando una cura ormonale al più presto e chiede di essere chiamato d'ora in poi Chelsea Manning.

Questo è il comunicato che è stato letto nel corso del programma Today della NBC:

"Voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuto nel corso degli ultimi tre anni. Durante questo lungo calvario, le lettere di sostegno e di incoraggiamento hanno contribuito a mantenermi forte. Mi sento in debito con chi mi ha scritto, con chi ha fatto una donazione al fondo per la mia difesa, o è venuto a vedere una parte del processo. In particolare vorrei ringraziare il 'Coraggio di resistere' e il 'Bradley Manning Support Network' per il loro instancabile impegno di sensibilizzazione verso il mio caso e per aver provveduto alla mia rappresentanza legale.
Mentre inizio questa nuova fase della mia vita, voglio che tutti conoscano il vero me. Sono Chelsea Manning. Io sono una femmina. Dato il modo in cui mi sento e mi sono sentito fin da bambino, voglio iniziare la terapia ormonale più presto possibile. Spero che mi sosterrete in questa fase di transizione. Chiedo inoltre che, a partire da oggi, si faccia riferimento a me per il mio nuovo nome e si utilizzi il pronome femminile (tranne che nella corrispondenza ufficiale). Non vedo l'ora di ricevere lettere da parte dei sostenitori e avere l'opportunità di scrivere di nuovo.
Grazie,
Chelsea E. Manning"

Dopo i ringraziamenti a tutti coloro che lo hanno sostenuto, che gli hanno fatto sentire la propria vicinanza con messaggi di ogni tipo e che hanno anche fatto delle donazioni in denaro per aiutarlo a pagare gli avvocati che lo hanno difeso, Manning sgancia una bomba: il coming out e l'annuncio di voler iniziare la terapia ormonale che gli consentirà di diventare transgender.

Intanto Manning, con l'aiuto del suo avvocato David Coombs, ha scritto una lettera al Presidente degli Stati Uniti Barack Obama per chiedergli il perdono presidenziale e anche Amnesty International ha chiesto la grazia per colui che ha passato oltre 700mila documenti militari riservati a Wikileaks nel 2010.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO