Martin Schulz: "La politica di un paese usata negli interessi di Berlusconi". Il Popolo della Libertà insorge

Le risposte di Brunetta, Schifani e Ronzulli.

Il presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, durante una visita istituzionale in Estonia, ha espresso pubblicamente la sua preoccupazione per la crisi di governo in corso nel nostro paese.

Schulz, facendo un semplice ragionamento, ha legato la crisi di governo alla situazione personale di Silvio Berlusconi e alla sua possibile decadenza da senatore, a seguito della condanna definitiva nell'ambito del processo Mediaset.

Queste sono state le dichiarazioni del presidente del Parlamento Europeo:

Non è accettabile che l'intera politica di un paese sia usata negli interessi di una sola persona. Guardiamo con preoccupazione all'Italia e speriamo che mercoledì prossimo i membri del Parlamento decidano di rendere stabile l'Italia e, attraverso l'Italia, l'Europa intera. L'Italia è uno dei quattro membri dell'Unione Europea che appartiene anche al G8 ed è la terza economia europea. La stabilità dell'Italia, o la sua destabilizzazione, hanno un impatto diretto sull'Unione Europea e in particolare sulla zona euro.

La prima frase di questa dichiarazione non poteva non far insorgere Il Popolo della Libertà che ha subito provveduto a difendere il proprio leader. Renato Brunetta ha sminuito l'affermazione di Schulz, definendola soltanto un'interferenza alle nostre questioni politiche:

Schulz non perde occasione per screditare il ruolo di presidente del Parlamento europeo interferendo pesantemente nella vita politica italiana per di piu cercando di alimentare zizzania ne Il Popolo della Liberta.

Dichiarazioni sottoscritte anche da Renato Schifani che parla di solito antiberlusconismo, aggravato per giunta da una sommaria informazione sui fatti:

Le vicende complesse di un Paese non possono essere analizzate con tanta supponenza. Soprattutto da chi le vive da lontano e le conosce soltanto per sentito dire, filtrate dal solito atavico antiberlusconismo.

L'europarlamentare del PdL, Licia Ronzulli, ha parlato di "gravi insinuazioni", come se davvero il destino di Berlusconi e quello del governo viaggiassero su due binari differenti:

Servirsi della carica che si ricopre per intromettersi nelle vicende politiche interne di un altro Paese, per di più lanciando gravi accuse e insinuazioni, è uno sfregio alle istituzioni europee.

Foto | © Getty Images

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO