Beppe Grillo contro il Movimento 5 Stelle e il reato di clandestinità. Alessandra Mussolini gli dà ragione

I due leader del M5S contro i loro stessi parlamentari: "Se avessimo proposto l'abolizione in campagna elettorale avremmo preso lo zero virgola". È questa la nobile idea di politica che muove Grillo & Casaleggio?

Beppe Grillo Elezioni anticipate - Vincere

19.02 Chissà se gli farà piacere o se può aiutarlo a riflettere sul luogo in cui hanno cittadinanza le idee che oggi Beppe Grillo sta facendo sue. Di sicuro l'appoggio di Alessandra Mussolini non passa inosservato.


17.20 Beppe Grillo torna a scrivere sul blog per chiarire le ragioni di metodo (ma ci sono anche quelle di merito) per la sua contrarietà alla proposta di depenalizzazione del reato di clandestinità fatta proprio dai senatori M5S:

Qualche precisazione sul metodo di relazione tra eletti, iscritti e elettori del M5S per la formulazione di nuove leggi.
1. L'eletto portavoce ha come compito l'attuazione del Programma del M5S
2. In caso di nuove leggi di rilevanza sociale non previste dal Programma, come può essere l'abolizione del reato di clandestinità, queste devono essere prima discusse in assemblea dai proponenti e quindi proposte all'approvazione del M5S attraverso il blog
3. In caso di approvazione, i nuovi punti saranno inseriti nel Programma che sarà sottoposto agli elettori nella successiva consultazione elettorale

Solo un appunto, questo meccanismo impedisce di fatto di prendere al balzo le occasioni che si presentano nei lavori parlamentari, in cui capita - com'è successo ieri - che qualche decisione debba essere colta all'istante per evitare che la possibilità di far passare un emendamento si perda.

13.03 Arriva una prima risposta dei senatori a Cinque Stelle che ieri hanno proposto l'emendamento che ha scatenato le polemiche: "Non pensiamo di aver commesso errori. È tutto molto tranquillo, molto semplice, qual è il problema? Noi abbiamo un regolamento, decidiamo a maggioranza. Grillo? io non ci ho parlato, nessuno di noi ci ha parlato", dice Maurizio Buccarella all'HuffPost. Questa sera è prevista l'assemblea del gruppo del Movimento 5 Stelle per decidere la posizione ufficiale.

Era prevedibile che sarebbe successo, dal momento che Beppe Grillo non è uno che ci va leggero sulle questioni che riguardano immigrati e italiani di seconda generazione (basti pensare a tutte le polemiche da lui fatte in passato sullo ius soli). Questa volta a farlo arrabbiare è il fatto che ieri il Movimento 5 Stelle in commissione giustizia abbia fatto passare una norma che depenalizza il reato di clandestinità, riducendolo a illecito amministrativo. Apriti cielo, il voto congiunto di M5S, Pd, Sel, Scelta Civica e il voto contrario di Pdl e Lega Nord fa pensare a quali siano le posizioni politiche vere di Beppe Grillo. Che firma il post assieme a Gianroberto Casaleggio (uno che non ha mai nascosto le sue simpatie forzaleghiste del passato).

Ieri è passato l'emendamento di due portavoce senatori del MoVimento 5 Stelle sull'abolizione del reato di clandestinità. La loro posizione espressa in Commissione Giustizia è del tutto personale. Non è stata discussa in assemblea con gli altri senatori del M5S, non faceva parte del Programma votato da otto milioni e mezzo di elettori, non è mai stata sottoposta ad alcuna verifica formale all'interno. Non siamo d'accordo sia nel metodo che nel merito.

Non sono d'accordo, i due capi, con i pentastellati che siedono in commissione giustizia. Si sono fatti sfuggire qualcosa e non possono tollerare che qualche "grillino" ragioni con la sua testa. Perché, al di là delle storielle sulla democrazia dal basso e "uno vale uno", le uniche due teste che hanno il diritto di pensare sono quelle del leader e del guru. Che proseguono:

Nel metodo perché un portavoce non può arrogarsi una decisione così importante su un problema molto sentito a livello sociale senza consultarsi con nessuno. Il M5S non è nato per creare dei dottor Stranamore in Parlamento senza controllo. Se durante le elezioni politiche avessimo proposto l'abolizione del reato di clandestinità, presente in Paesi molto più civili del nostro, come la Francia, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, il M5S avrebbe ottenuto percentuali da prefisso telefonico. Sostituirsi all'opinione pubblica, alla volontà popolare è la pratica comune dei partiti che vogliono "educare" i cittadini, ma non è la nostra. Il M5S e i cittadini che ne fanno parte e che lo hanno votato sono un'unica entità.

Il problema è chiaro: "se l'avessimo proposto in campagna elettorale avremmo preso percentuali da zero virgola". È questo l'obiettivo del M5S, prendere voti non importa come? È per questo che è stata fatta una proposta come quella del reddito di cittadinanza, un'utopia? Al solo scopo di prendere voti anche se non è una cosa realizzabile? Si prosegue con il merito:

Nel merito questo emendamento è un invito agli emigranti dell'Africa e del Medio Oriente a imbarcarsi per l'Italia. Il messaggio che riceveranno sarà da loro interpretato nel modo più semplice "La clandestinità non è più un reato". Lampedusa è al collasso e l'Italia non sta tanto bene. Quanti clandestini siamo in grado di accogliere se un italiano su otto non ha i soldi per mangiare?"

Sì, non ci sono dubbi. Queste sono posizioni che portano voti. Perché vanno a colpire la pancia degli italiani (ragion per cui l'idea che la politica abbia anche il compito di educare, nonostante quello che ne pensa Grillo, ha nobili origini, che risalgono a Platone). Però, non è che una volta depenalizzato il reato di clandestinità gli immigrati potranno invadere il nostro paese senza più alcuna guardia a impedirglielo. Semplicemente non è più un reato penale, ma un illecito amministrativo. I migranti saranno comunque punibili con l'espatrio. Si rassicurino Grillo & Casaleggio, gli italiani non avranno più difficoltà a mangiare con la depenalizzazione del reato di clandestinità.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO