Unioni civili: Milano approva


È cominciata da pochi minuti quella che si preannuncia una seduta fiume (e campale) del consiglio comunale di Milano per l'approvazione del regolamento sul registro delle unioni civili fortemente voluto dal sindaco Pisapia. Ci sono 74 emendamenti da discutere ed è presumibile che le cose vadano per le lunghe. Su Polisblog seguiremo in diretta gli interventi e le votazioni.

Dopo una seduta fiume di quasi 12 ore, nella notte il consiglio comunale di Milano ha approvato il registro delle unioni civili, con 27 voti a favore (tra cui 2 del Pdl), 7 contrari e 4 astenuti. "Da oggi abbiamo più diritti" ha commentato Pisapia.

Ore 23:00. La bocciatura di un emendamento dei "laici" del Pdl sulla distinzione tra coppie di fatto e di diritto fa saltare l'accordo con i quattro dissidenti del centro-destra che avrebbero votato a favore del registro. Tre di loro hanno annunciato che voteranno contro, il quarto, Tatarella, conferma il voto a favore.

Ore 21:00. La seduta riprende dopo una pausa. I tempi per l'approvazione si allungano e non è detto che si voti questa sera.

Ore 19:04. L'ex vicesindaco De Corato annuncia che una parte del gruppo Pdl si asterrà su tutti gli emendamenti presentati dalla maggioranza perché la delibera è, a loro avviso, incostituzionale.

Ore 18:38. Riprende la parola Masseroli, sottolineando come l'approvazione degli emendamenti stia snaturando il provvedimento "Non sappiamo cosa stiamo votando" e mette sotto accusa le contraddizioni interne alla maggioranza.

Ore 18:20. Prosegue la discussione degli emendamenti, dopo una lunghissima diatriba sull'ordine delle votazioni.

Ore 17:37. Intervento del consigliere Pdl Pietro Tatarella, che sottolinea come il regolamento per le unioni civili non spieghi come iscriversi o cancellarsi, e invita a votare subito l'emendamento di Palmeri in merito, altrimenti il regolamento non sarà attuabile.

Ore 17:30. Per districare la vicenda interviene l'ex vicesindaco De Corato per elencare il numero degli emendamenti che il Pdl chiede di anticipare. La seduta andrà per le lunghe.

Ore 17:20. Lungo battibecco tra la presidenza e i consiglieri riguardo la richiesta di Masseroli (Pdl) di anticipare il voto degli emendamenti sulla "famiglia anagrafica". Masseroli però non specifica da quale articoli cominciare e il presidente Rizzo si inalbera.

Ore 17:10. Intervento del consigliere Masseroli del Pdl che discute la legittimità della delibera basandosi sulle dichiarazioni del consigliere cattolico PD Fanzago che si oppone alle unioni civili, e chiede chiarimenti sul termine "famiglia anagrafica".

0re 17:05. Vivace scambio di battute tra il presidente Rizzo e il consigliere Forte del Pdl che mette in discussione la legittimità del provvedimento.

Ore 16:50. Marco Cappato dei Radicali rifiuta di entrare nel merito delle distinzioni tra vari tipi di coppie eterosessuali, ricordando che un'eventuale approvazione di un registro delle coppie di fatto a livello nazionale renderebbe inutile l'emendamento. Segue una discussione sull'ordine dei lavori da parte del presidente Basilio Rizzo.

Ore 16:40. Il primo a parlare è Manfredi Palmeri del terzo Polo. L'emendamento in votazione riguarda l'esclusione delle coppie eterosessuali dal registro, in quanto per loro c'è già il matrimonio. Palmeri invita chi si oppone a fare i conti con i vari aspetti della realtà, come le coppie etero che per qualche motivo non possono sposarsi

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO