Sciopero forconi, 11 dicembre 2013: la protesta continua

Tutto quello che c'è da sapere dello sciopero che inizia il 9 dicembre 2013: dal Movimento dei Forconi a Forza Nuova, dai volantini alle denunce di intimidazioni, dal passaparola ai dubbi. Aggiornamenti in tempo reale.

11 dicembre 2013

: anche oggi la protesta continua. Tutti gli aggiornamenti in diretta sullo sciopero dei Forconi, nella giornata dell'11 dicembre.

9.00: nelle intenzioni degli organizzatori, la protesta continua. Ecco la diretta del 10 dicembre 2013.

10 dicembre 2013: in merito alle immagini dei poliziotti che si tolgono il casco mentre si trovano in prossimità dei manifestanti, il segretario generale del SIULP, Felice Romano, rigetta la tesi dell'atto normale e invece cavalca alla grande la manifestazione di solidarietà

«Quanto accaduto a Torino, a Genova e in tutte le altre città, nonostante i soliti delinquenti professionisti del disordine che hanno dato sfogo alla loro indole criminale e violenta, senza però riuscire a separare il “Paese” (cittadini e poliziotti), merita un plauso a tutti quei colleghi di tutte le forze di polizia che oggi, in modo professionale e coraggiosamente hanno detto simbolicamente basta alla lontananza della politica governativa e dei palazzi del potere rispetto ai danni che stanno producendo contro le famiglie e i lavoratori di questo paese.

Togliersi il casco in segno di maifesta solidarietà e totale condivisione delle ragioni a base della protesta odierna di tutti i cittadini che hanno voluto gridare basta allo sfruttamento e al soffocamento dei lavoratori e delle famiglie italiane, è un atto che per quanto simbolico dimostra però che la misura è colma e che i palazzi, gli apparati, e la stessa politica ormai sono lontani dai problemi reali dei cittadini e troppo indaffarati ai giochi di potere per la propria sopravvivenza e conservazione della casta.

Ecco perché il governo in primis e il ministro Alfano a seguire, bene farebbero al ascoltare il Sindacato e prima ancora i cittadini di questo Paese; giacchè la misura e colma e se non si inverte questa tendenza a chiedere sempre e maggiori sacrifici in cambio di nulla, a maggior ragione quando non si da il buon esempio cominciando a rinunciare i propri privilegi che sono tanti, anzi troppi, si ricordino il passaggio biblico nel quale si afferma: “terribile sarà l’ira degli onesti”.

Lo afferma Felice Romano, Segretario Generale del SIULP in una nota nella quale, nel commentare le straordinarie immagini in cui gli appartenenti alle forze di polizia si sono tolti il casco in segno di condivisione e rispetto delle ragioni della protesta, senza per questo rinunciare o abdicare al proprio dovere di garantire la sicurezza pubblica e di fermare i violenti, sottolinea come questo epilogo fosse scontato rispetto al grido di allarme che il SIULP, a nome dei poliziotti, sta lanciando da tempo e che il governo continua a non raccogliere.

Speriamo che questo segnale sia da monito ai palazzi del potere, alle caste, al governo ma anche a tutti i violenti e i professionisti del disordine.

Questa volta nessuno riuscirà a separare il “Paese” sano costituito dai lavoratori, dalle famiglie e dai servitori dello Stato, come accaduto negli anni di piombo. Che il governo ne tragga le dovute e necessarie conseguenze.

Il SIULP sarà a fianco e con questi colleghi per dire basta allo sfruttamento e al maltrattamento dei poliziotti e dei cittadini, per dire ascoltate la voce del popolo».

9 dicembre 2013: il bilancio

19.18

14 feriti tra le forze dell'ordine nel corso degli scontri di Torino. Anche di tre auto della polizia danneggiate. Tra i feriti un vicequestore aggiunto della PS locale, otto operatori in forza ai reparti Mobile della PS di Bologna e Padova e cinque carabinieri.

18.34 "Immagini inutili, forzate, capaci di evocare nulla, quel gesto di togliersi il casco è solo funzionale al fatto che, evidentemente, quella folla era davvero pacifica come ogni folla che manifesta dovrebbe essere. Le Forze di Polizia sono dalla parte della legalità e del rispetto della democrazia, una folla pacifica è a prescindere dalla stessa parte della Polizia che vigila affinché nessuno diventi ostile ai principi democratici. Solo i violenti vengono repressi e i caschi si usano solo contro i violenti che, evidentemente, quei manifestanti non sono. Onore a loro, ai manifestanti, non certo ai poliziotti che stanno facendo solo il loro dovere!", così il Movimento Poliziotti su Facebook.

18.22 Iniziano a circolare i primi dubbi sulla possibilità (documentata dai video che trovate sotto, nel post) che la Polizia abbia solidarizzato a Milano e Torino con i Forconi. Una nota della questura di Torino segnala che "erano venute meno le esigenze operative che ne avevano imposto l’utilizzo (dei caschi, ndr). Un comportamento da considerare ordinario e correlato al venir meno dello stato di tensione e delle esigenze di ordine pubblico", rimangono i dubbi, soprattutto nel caso del secondo video che mostra la polizia (o almeno così sembra) manifestare assieme ai Forconi.

18.02 Proseguono le proteste anche a Torino: 3 presidi, a Piazza Castello, piazza Derna, piazza Pitagora. Andrea Zunino, portavoce del Coordinamento 9 dicembre dice: "Vogliamo dire basta a quello che non va bene, vogliamo che il governo si dimetta. Non ci interessa un tavolo, se ne devono andare. Noi siamo responsabili delle nostre azioni, si persegua chi ha comportamenti incivili".

17.50 Continuano le proteste anche a Genova, che dopo Torino sembra essere la città più presa d'assalto dalle proteste. Dopo aver occupato i binari della stazione di Brignole, un gruppo di circa 400 manifestanti del movimento dei Forconi ha bloccato anche la sopraelevata del quartiere Foce, paralizzando il traffico.

La polizia solidarizza con i Forconi

Ecco uno dei video diffusi su Facebook, che mostrano le scene di cui vi parlavamo.

9 dicembre 2013: diretta video


C'è un canale su Youtube che diffonde una diretta video che raccoglie le principali iniziative.

La fanno da padrone i video che mostrano poliziotti e manifestanti che sembrano solidarizzare.

Presidi in autostrada in diminuzione

Mappa presidi autostrade 9 dicembre 2013

14.25: a giudicare dalla mappa di Autostrade.it sarebbero in diminuzione, le manifestazioni lungo le autostrade.

9 dicembre 2013: la diretta su Twitter

Il video dei poliziotti a Torino

14.13

Sta circolando per la rete un video, girato a Torino, in cui si vede la polizia che si toglie il casco e si unisce alla protesta dei Forconi. Diversa però la situazione davanti al palazzo della Regione, dove invece continuano gli scontri.


12.46 Continuano gli scontri a Torino: i manifestanti, tra cui si segnalano anche ultras della Juve, hanno lanciato molotov, bottiglie e pietre contro l’ingresso del Palazzo della Regione. Le forze dell'ordine stanno rispondendo con lacrimogeni che hanno provocato ulteriori tafferugli. Una sassaiola ha colpito alcuni mezzi delle forze dell’ordine e la postazione mobile di Sky.

12.19 A Torino, in centro, la situazione va verso il caos: lancio di sassi e mattoni in piazza Castello, i manifestanti si scontrano con le forze dell'ordine che ripiegano sotto i portici del palazzo della Regione e reagiscono sparando lacrimogeni. Si segnalano anche barricate in via Garibaldi. Tutti i negozi sono stati costretti a chiudere. Altri dimostranti davanti al Comune e all'Agenzia delle Entrate in piazza XVIII Dicembre

11.27 Parecchi disagi si segnalano soprattutto a Torino. La città è nel caso per le manifestazioni alle stazioni di Porta Susa e Porta Nuova con cui sono stati occupati i binari. Migliaia le persone in Piazza di Castello da dove alle dieci è partito un corteo. In centro, negozi chiusi e mezzi pubblici bloccati. Su palazzo Reale è apparso uno striscione: "Politici, amministratori, sindacati, ladri legalizzati". Nel resto della città si sono organizzati anche alcuni presidi e vie bloccate con i bidoni. Ma già nella notte erano iniziate le operazioni di boicottaggio: ai mercati generali di Grugliasco masserizie incendiate e tentativi di non far uscire i tir carichi di frutta e verdura.

Seria la situazione anche a Genova: cento autotrasportatori hanno bloccato via XX Settembre e il traffico del centro. Bloccata anche la rampa d'uscita dal casello di Bolzaneto a causa della sosta di una cinquantina di tir diretti al mercato all'ingrosso di frutta e verdura. Problemi di accesso alle rampe in porto al varco di San Benigno.

Protesta più morbida invece in Sicilia, dopo lo stop ai blocchi decisi dai questori. Manifestanti sono presenti a Palermo, in via Ernesto Basile e in piazza Indipendenza, davanti alla sede della presidenza della Regione, e poi a Siracusa, Ragusa, Agrigento, nel Trapanese a Mazara del Vallo, Castelvetrano, Santa Ninfa. Alcamo, Castellammare del Golfo e nel Messinese

Nel Lazio cinque ragazzi di Forza Nuova sono stati bloccati mentre camminavano sul Grande Raccordo Anulare in cerca di presidi. Il Coordinamento 9 dicembre che sotto lo striscione 'I veri italiani si fermano' si è riunito in piazzale dei Partigiani, sull'Ostiense, a Roma. Camper gazebo, accanto al Movimento dei forconi, anche disoccupati, precari, pensionati, studenti e lavoratori di ogni settore.

11.00: nuove segnalazioni di manifestazioni e code in autostrada.

A8

Manifestazione (Km 41.9 - direzione: Varese)
Manifestazione su Lago di Varese provenendo da Milano verso Gazzada

A4

Manifestazione (Km 145.8 - direzione: Torino)
Manifestazione in uscita a Agrate provenendo da Brescia

Manifestazione (Km 215.2 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in uscita a Brescia Ovest

A1

Coda (Km 110.4 - entrambe le direzioni)
Coda in uscita a Parma per manifestazione.

Sciopero forcomi 9 dicembre 2013 blocchi autostrada

8.24: Autostrade segnala nuove manifestazioni. A quelle già indicate nottetempo, se ne aggiunge una serie.

A7

Manifestazione    (Km 84.5 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Serravalle Scrivia .

Manifestazione    (Km 88.6 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Vignole Borbera .

Manifestazione    (Km 111.5 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Busalla .

Coda in uscita a Genova Bolzaneto per manifestazione. Uscita consigliata provenendo da Milano: Genova Aeroporto su A10 Genova-Ventimiglia

Coda    (Km 125.8 - direzione: Milano)
Coda tra Bivio A7/A10 Genova-Ventimiglia e Genova Bolzaneto per manifestazione

A27

Manifestazione (Km 13.4 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Treviso sud

A14

Manifestazione (Km 262.6 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Civitanova Marche

Manifestazione (Km 476.1 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Termoli

Forconi: protesta a Grugliasco (TO)

9 dicembre 2013, 4.30

: a Grugliasco, un centinaio di manifestanti blocca l'ingresso del Centro agro-alimentare torinese. Sono state rovesciate e incendiate masserizie sulla strada, per impedire i movimenti dei mezzi. La polizia ha ripristinato la regolarità di ingressi e uscite.

Manifestazione Forconi - Sciopero o rivolta? 9 dicembre 2013, le foto dai social network

Su Facebook iniziano a comparire da tutta Italia foto della protesta, attraverso le pagine dei gruppi di coordinamento.
Per il momento non è ancora valutabile la dimensione del fenomeno reale.

Di sicuro la protesta, che pure ha una chiara connotazine politica, intercetta un malcontento generalizzato che non trova sfogo e che si rivela, molto spesso, disinformato e "facilone". Per il momento le immagini sono ancora a livello di "folklore". Ma non è da escludere che, se il numero delle persone dovesse crescere, per esempio nei presidi autostradali, si possa assistere a veri e propri blocchi.

In alcune zone ci sono già persone che camminano sulla sede autostradale e si intravedono mezzi come trattori e camion.

9 dicembre 2013: la mappa delle proteste

Sciopero 9 dicembre 2013

Ecco la mappa delle proteste. (Clicca per ingrandire)

9 dicembre 2013: manifestazioni in autostrada

Sciopero 9 dicembre 2013 rivolta dei forconi autostrade blocchi

9 dicembre 2013, ore 2.00: cominciano, a giudicare dal sito di Autostrade.it, i blocchi in autostrada, o perlomeno le manifestazioni nei pressi delle sedi autostradali.

Ecco il primo elenco (non è chiaro al momento se si tratti solamente di presidi o di veri e propri tentativi di blocco).

A27
Manifestazione in uscita a Conegliano Veneto provenendo da/per Allacciamento A28 .
Km 0.1 - direzione: Conegliano veneto)

A14
(Km 311.7 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a San Benedetto del Tronto

(Km 554.1 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Foggia .
(9 dicembre 2013 ore 01:19)

 (Km 626.9 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Andria .
(9 dicembre 2013 ore 01:19)

(Km 676.8 - direzione: Bari)
Manifestazione su Bivio Tangenziale Bari provenendo da Autostrada Bologna-Taranto verso Brindisi

A1

(Km 603.9 - entrambe le direzioni)
Manifestazione in entrata a Anagni .
(8 dicembre 2013 ore 22:57)

Manifestazione in entrata a Frosinone .
(8 dicembre 2013 ore 22:24)

(Km 759.4 - entrambe le direzioni)
Manifestazione tra Ceprano e Bivio A1/A3 Napoli-Salerno

Manifestazione tra Bivio A30/A1 Milano-Napoli e Bivio A30/Raccordo Salerno-Avellino.

Nella sua ultima nota alle prefetture, il Viminale ha stabilito che le forze dell'ordine avranno la possibilità di valutare

«l'eventuale disponibilità di mezzi speciali dei vigili del fuoco, ritenuti idonei per superare eventuali emergenze».

Prefetture e questure sono invitate a

«rigorose misure a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica», «procedendo con fermezza nei confronti di soggetti o gruppi intenzionati a porre in essere azioni illegali».

9 dicembre 2013: Torino, presidi, forconi, negozianti

A Torino la Stampa parla senza mezzi termini di "rivolta dei forconi" – curioso notare come le edizioni nazionali dei quotidiani quasi non si occupino della questione, ma quelle locali sì – e fa presagire una giornata tesa, per il 9 dicembre 2013.

Al di là dei tre presidi (piazza Pitagora, piazza Castello e piazza Drena) c'è molto timore fra i negozianti e in tantissimi pensano di chiudere, un po' per solidarietà, un po' per paura, un po' senza saper bene per quale motivo (perché lo fanno gli altri).

Anche gli autonomi e i centri sociali, pare – questa la notizia – saranno presenti. Ma non si gridi già all'inciucio fra estrema sinistra ed estrema destra. Sempre La Stampa dice che ci saranno come "osservatori".

Nel capoluogo piemontese è circolata pure la voce delle scuole chiuse. Una bufala, ovviamente.

Rivolta dei Forconi: chi sono, cosa vogliono?

Sciopero forconi 9 dicembre 2013

Manca un giorno all'inizio dello sciopero dei Forconi. Su uno dei siti che sono legati all'iniziativa, si trova una serie di dettagli.

Gli organizzatori dello "sciopero" si dichiarano al di fuori di qualsiasi organizzazione politica o di categoria, secondo la solita retorica "né di destra né di sinistra" e dicono di essere il popolo

«oltraggiato, quello che produce ma quello che non produce perchè lo stato lo ha messo in tale condizione. Siamo il popolo dei precari, dei senza futuro, di quelli che sperano in un qualcosa di meglio per le generazioni future.
Siamo quelli che credono nella forza delle idee, a prescindere se queste possano essere espressione di una presunta “destra” o “sinistra”; al popolo che lavora non servono le etichette ma serve che i problemi, e sono tanti, siano risolti da gente onesta».

Fin qui, frasi cui ormai siamo molto abituati. Poi, però, ci sono gli obiettivi:

«Che l'attuale classe politica, presidente della repubblica compreso, istituzioni infiltrate dai partiti ladroni, si dimettano ed abbandonino le posizioni.
Da quel momento vi sarà un periodo transitorio in cui lo stato sarà guidato da una commissione retta dalle forze dell'ordine trascorso il quale si procederà a nuove votazioni».

Ecco. Diciamo che con questa frase, che esplicita l'obiettivo di un governo sostenuto dalle forze dell'ordine si esplicita la vera natura dell'iniziativa. Alla quale aderiscono moltissime sigle di estrema destra, connotandola in maniera inequivocabile dal punto di vista politico.

Lo sciopero del 9 dicembre: l'Italia si ferma? Cosa succede? Chi organizza?

sciopero 9 dicembre 2013 Sciopero 9 dicembre 2013

Cosa sapete dello sciopero del 9 dicembre 2013? Cosa succederà? E' vero che l'Italia si ferma? Se avete un negozio, è meglio chiudere per i disagi? Bisogna fare benzina? Correre ad accaparrarsi generi alimentari e farmaci?

Forse nulla di tutto questo. Ma il fenomeno è senz'altro interessante. Andiamo con ordine.

In una radio locale valsusina – il mainstream non sta parlando di questa "mobilitazione" – sento dire, di sfuggita, che c'è chi si prepara a dare l'assalto alle pompe di benzina «per sicurezza». Gabriele Capasso, vicedirettore di Blogo.it, mi racconta che ieri in un locale di Torino ha sentito due gestori di locali parlare dell'opportunità di chiudere o meno lunedì, e che la cosa è molto interessante, se non altro da un punto di vista sociologico. Come non concordare?
Le pagine Facebook che parlano della vicenda hanno poche migliaia di fan. Il mainstream non ne parla. Eppure, la notizia dello sciopero si diffonde a macchia d'olio. Oggi, in un bar in Val di Susa, per esempio, sento un discorso tipo:

«Dicono che vogliono continuare fino al 13 dicembre»
«Eh, ma per cosa?»
«Boh, per tutto quel che sta succedendo».
«Sì ma io non posso stare a casa fino al 13».
«Qualcosa bisogna pur fare».
«Secondo me come al solito non succederà niente».
«Io ho sentito gente che dice basta, prendo il passamontagna e vado giù».

Ma giù dove? Chi sono questi fantomatici soggetti? Che sciopero è? Cosa vuol dire che è organizzato "dalla gente"?

Sui siti di informazione si trova poco o niente: frasi confuse, riferimenti alla necessità di accaparrarsi benzina o altro, come si diceva, volantini. E' il caso di approfondire, no?

Come nasce lo sciopero del 9 dicembre 2013?

Tutto parte dalle associazioni di categoria dell'autotrasporto, che indicono, per il 9 dicembre 2013, un fermo nazionale.

Solo che poi succede, come capita spesso, che le medesime associazioni incontrano il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi e il sottosegretario Rocco Girlanda.

Dopo l'incontro, Unatras e Anita revocano il fermo. E spiegano con un comunicato:

«Gli organi decisionali del coordinamento unitario UNATRAS (Unione Nazionale delle Associazioni dell’Autotrasporto Merci), e Anita (Associazione Nazionale Imprese Trasporti), valutate positivamente le risposte ricevute dal Ministro Lupi, in particolare sul ripristino delle agevolazioni sulle accise e sulla riduzione del costo del lavoro (INAIL) ed acquisito il protocollo d’intesa che impegna il ministero su tutte le altre criticità rappresentate, revocano il fermo nazionale dei servizi di autotrasporto.

Nel risultato ottenuto c’è la consapevolezza di aver conseguito quanto principalmente richiesto dalla base associativa e che, in un Paese che vive in una situazione di drammatica emergenza ed instabilità, non si possono fare proclami che esulano dalle cose perseguibili se non si vuole scivolare nell’irresponsabilità o peggio, utilizzare l’autotrasporto per rivendicare interessi diversi».

In sostanza, si è ottenuto che lo stanziamento a favore del settore autotrasporti di 330 milioni di ero per l'anno 2014 è stato mantenuto; che verranno ripristinate le agevolzioni sulle accise per il gasolio e applicate misure per ridurre il costo del lavoro. Per quanto riguarda la situazione in Sicilia e Sardegna, scrive LiveSicilia:

«Le parti si sono altresì impegnate ad aprire un tavolo tematico sui problemi delle Isole. La Fita Regionale Cna esprime soddisfazione per il risultato, che arriva, comunque, nel contesto di una crisi forte e persistente, che penalizza, in particolare, il settore, anche a causa delle mancate risposte della politica ai problemi irrisolti legati alle carenza di infrastrutture, alla pressione fiscale, alla malaburocrazia, alla difficoltà di accesso credito e alla scarsa sicurezza».

Insomma, gli autotrasportatori delle principali sigle nazionali annullano la protesta. Tutto finito? No.

I forconi (ricorderete i "moti" siciliani dello scorso anno, gennaio 2012) non ci stanno. E decidono di proseguire.

Il tam tam si diffonde. Come? Quando chiedo all'esercente valsusina come abbia saputo dello "sciopero" mi dice che «se ne parla fra negozianti da qualche giorno», e che oggi al mercato «davano dei volantini».

Tipo?

Questo è uno dei manifesti che gira su Facebook.

La pagina ufficiale dell'organizzazione è di questo COORDINAMENTO NAZIONALE PER LA RIVOLUZIONE 9 DICEMBRE 2013, che ha referenti in quasi tutte le regioni.

9 dicembre 2013: uno sciopero? Cosa ne sappiamo?

Ma che cosa si sa, esattamente, di questo "sciopero", fra "la gente"?

Lo chiedo ad un paio di migliaia di utenti Facebook, per curiosità, perché mi interessa capire come la notizia si sia diffusa fra le persone. C'è chi spiega di saperne poco o nulla, chi si augura che sia una vera rivolta. Chi mi posta link, ovviamente, già informato (grazie a tutti), chi scrive, per esempio:

«Cose orribili. Intimidazioni, allusioni, minacce rivolte a commercianti e titolari di esercenti affinché chiudano, volantini dai contenuti chiaramente fascistizzanti visti coi miei occhi»

Intimidazioni?

Intimidazioni? Sì, pare proprio di sì.

A Licata, per esempio, come scrive Agrigento Notizie,

«all’ingresso della sede di un consorzio Fita Cna a Campobello di Licata, è stato trovato un cartello con su scritto:

“Vi consigliamo di non fare uscire i mezzi nel giorno della rivoluzione perché vi pesteremo a sangue fino a farvi morire”».

Sul volantino si legge anche:

«Viva la mafia»

Come se non bastasse, il comitato provinciale dell'ANPI Torino scrive, fra l'altro, in un comunicato che:

«Su segnalazione dell'associazione commercianti pervenuta in questura risulta che stamane, venerdì 6 dicembre, in numerosi negozi della città si sono presentate alcune persone qualificatesi come agenti di polizia in borghese le quali hanno invitato gli esercenti a tenere lunedì prossimo le saracinesche abbassate onde evitare tafferugli.
L'Anpi denuncia alle autorità competenti questo stato di cose e invita tutti gli antifascisti e i democratici a respingere con fermezza le iniziative illegali messe in atto da questi provocatori invitando tutte le sezioni del Piemonte dell'Anpi a vigilare e soprattutto a svolgere un'azione di denuncia e di informazione della cittadinanza».

Minacce a commercianti ed esercenti sono state denunciate anche da politici torinesi.

Naturalmente, è tutto da verificare, a cominciare dalla paternità dei volantini.

9 dicembre 2013: un video

9 dicembre 2013 - Chi organizza?

Dietro a questo "sciopero dal basso" c'è una fitta rete organizzativa, che si palesa con il nome di Coordinamento nazionale per la rivoluzione 9 dicembre 2013.

Sempre nel comunicato ANPI si legge di una riunione di promotori in provincia di Torino. Il contenuto della medesima riportato dall'associazione lascia poco spazio al fraintendimento:

Nei giorni scorsi a San Mauro Torinese si è svolta un'affollata assemblea dei promotori dell'iniziativa nel corso della quale il presunto leader, tale Danilo Calvani, contadino di Latina, ha rivendicato «la costituzione di un governo temporaneo magari con una figura militare di riferimento».

Ci sono il Movimento Forconi Siciliano, appunto, e altre sigle simili, come i Forconi Puglia.

Ma c'è anche Forza Nuova, che sul suo sito scrive:

«Forza Nuova aderirà alla protesta dei lavoratori italiani che inizierà la notte dell' 8 dicembre e si protrarrà attraverso una serie di manifestazioni e di blocchi in tutta Italia. Sulla scia, infatti, di ciò che avvenne due anni fa in Sicilia e in tutto il centro-sud, agricoltori, autotrasportatori, commercianti, imprenditori e disoccupati scenderanno di nuovo in piazza, a partire dall' 8 dicembre, con le loro specifiche rivendicazioni, e con alcune richieste fondamentali che saranno il comune denominatore di questa lotta: la sovranità monetaria, l' eliminazione delle accise sulla benzina e il blocco delle provvedimenti esecutivi di Equitalia».

C'è, insomma, il mondo dell'estrema destra italiana.

9 dicembre 2013: presidi

I presidi sono previsti in tutta Italia. Al momento se ne contano 95. Ecco la mappa.

Il messaggio su WhatsApp

C'è anche un messaggio che gira su WhatsApp. Mi è stato inoltrato poco fa. Recita questo:

    «Ciao, ci tengo ad informarti che a partire da lun 9 dic l’Italia tutta si fermerà e scenderà in piazza per riprendersi la sovranità nazionale. E una protesta pacifica (non si rompe nulla) ma ad oltranza. Agricoltori e camionisti paralizzeranno gli svincoli stradali nevralgici per paralizzare gli introiti della Casta Politica proprio in un periodo dell’anno dove “con l’iva al 23%” i ladri ed assassini al parlamento si aspettano grandi entrate. (non pagare tasse adesso). Continuerà invece l’economia essenziale (cibi e medicine x la popolazione). Il mio consiglio dunque è quello di non usare mezzi (disagio avvisato è mezzo Agio) e magari di partecipare ad un evento che rimarrà nella storia della nostra grande nobile e bella Italia. Polizia e forze dell’ordine sono stati avvisati e sono dalla nostra parte … (d’altronde hanno giurato fedeltà alla costituzione ed al popolo Italiano). Chiediamo le dimissioni immediate di tutta la classe politica ed un processo per direttissima per Alto tradimento verso il popolo Italiano. CI AIUTEREMO L'UNO CON L'ALTRO, NESSUNO PAGHIv TASSE O ALTRO FATE UN Pò DI PROVVISTE ESSENZIALI ED ORGANIZZIATI in RISORSE DA CAMPO CI SARANNO SPOLE PER PORTARE CIBO ED ASSISTENZA AI PUNTI DI BLOCCO RIPRENDIAMOCI L'ITALIA CACCIANDO Av CALCI I POLITICI E LA BCE. ... AUGURI ...SARà IL NATALE CHE PASSERA' ALLA STORIA una storia scritta anche da te. Copia ed incolla questo messaggio ad amici e parenti ed avvisali di conseguenza. Auguri e Grazie. per saperne di più : https://www.facebook.com/groups/630387093684881/»

9 dicembre 2013: cosa succederà?

Difficile dirlo. Potrebbero esserci blocchi in aree strategiche del paese (porti, caselli e simili), come già avvenuto nel mese di gennaio del 2012.
Al momento sembra di assistere più che altro a una prova muscolare di certe sigle di estrema destra, per vedere quel che riescono a fare. Quel che è certo è che il movimento appare molto coordinato (anche se si tratta di un coordinamento evidentemente sviluppato da poche persone). Sono 33mila le adesioni alla pagina Facebook ufficiali, non molte, bisognerebbe vedere quante di queste spontanee e informate sui fatti. Poi c'è anche la fanpage di nocensura.com con i suoi quasi 500 mila adepti che aderisce alla mobilitazione una "potenza di fuoco" di livello superiore.

In ogni caso, il tutto potrebbe fare quantomeno un bel po' di rumore: dipende da quanto ha effettivamente avuto successo questo strano tam tam.

9 dicembre 2013 - Commenti

Più o meno, questo è tutto quel che c'è da sapere su questo sciopero del 9 dicembre 2013. Si fermerà l'Italia? Non lo so.

Quel che so è che uno "sciopero" con serrate ottenute mediante intimidazioni o riferimenti a governi con figure militari di riferimento non è uno sciopero e non ha nulla di "spontaneo" e "dal basso". Anzi, odora di coercizione. Di tempi che furono. Di idee striscianti che in fondo non hanno mai lasciato del tutto la cosiddetta "gente qualunque".

E che bisogna spiegare per bene chi organizza che cosa, perché altrimenti si fa una gran confusione e si rischia anche di aprire la porta a nuovi fascismi. Poi non si dica "non ce n'eravamo accorti".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 15131 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO