Graziano Delrio, tassazione sui Bot: Palazzo Chigi precisa

Il fedelissimo di Renzi alla cabina di regia di Palazzo Chigi. Tutte le notizie che lo riguardano.

19.00: arriva una precisazione da Palazzo Chigi a proposito delle dichiarazioni di oggi di Graziano Delrio a In 1/2 ora.

Eccola:

«L'orizzonte del governo è quello di una riduzione della pressione fiscale attraverso una rimodulazione delle rendite finanziarie e delle tasse sul lavoro. Il tema della riduzione della
pressione fiscale attraverso la rimodulazione, aggiunge l'ufficio stampa di Palazzo Chigi, sarà illustrato domani dal presidente del Consiglio Matteo Renzi nel corso del suo intervento in Parlamento per il voto di fiducia».

15.05: «L'Italicum non è congelato, legge elettorale in 6 mesi».

Graziano Delrio - In 1:2 Ora

15.00: Delrio preannuncia tassazione sulle rendite finanziarie in linea con l'Unione Europea. L'ipotesi di una tassazione ulteriore sulle rendite Bot è stata così spiegata dal sottosegretario:

“Se una signora anziana ha messo da parte 100mila euro in Bot non credo che se gli togli 25 o 30 euro ne avrà problemi di salute. Vediamo…”

14.53: si parla del Ministro Orlando, uno che aveva scritto sul Foglio cinque proposte per la riforma della giustizia che facevano infuriare il Pd. Delrio sostiene che Orlando farà bene, Annunziata non chiede se non sia un nome gradito anche a Berlusconi. Chiede però se Gratteri non fosse gradito al centrodestra. Delrio dice di no e spiega che la nomina alla giustizia è stata concertata col solo capo dello Stato e che non si ritenesse corretto che un magistrato divenisse ministro della giustizia.

14.47: Lucia Annunziata incalza Delrio, ma senza affondi cattivi. Delrio garantisce, quando Annunziata chiede conto e ragione dei potenziali conflitti di interessi di Guidi, Poletti, Lupi, che si farà una legge sui conflitti di interessi. E' la prima vera notizia dall'inizio dell'intervista.

Per il resto, Delrio ripete il mantra che fa parte della narrazione del governo Renzi: Matteo (sic) avrebbe voluto affrontare le urne, lui non ha paura delle elezioni, ha accettato la sfida nell'interesse del paese.

14.34 - Graziano Delrio è ora ospite di Lucia Annunziata a "In 1/2 ora".


23 febbraio 2014: è di lavoro, la domenica di Graziano Delrio. Il nuovo Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, secondo quel che racconta un Matteo Renzi attivissimo su Twitter, si occupa di esaminare i dossier con il Presidente del Consiglio.

Già ieri, Delrio era entrato immediatamente nel ruolo, difendendo Renzi sull'affare-Bonino.


Oggi, alle 14.30, infine, sarà ospite di Lucia Annunziata a In 1/2 Ora, su Rai 3.

Graziano Delrio: chi è il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio

Il fedelissimo di Renzi alla cabina di regia di Palazzo Chigi


Pur non essendo una carica ministeriale, il ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio è cruciale per la buona riuscita di un governo, visto che spetta al sottosegretario il ruolo di coordinare il lavoro del gabinetto e di fare da "controfigura" al premier soprattutto con il mondo esterno. È per questo che Matteo Renzi ha voluto al suo fianco come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio, uno dei suoi collaboratori più fedeli, piuttosto che "premiarlo" con un ministero di peso.

Nato a Reggio Emilia nel 1960, è medico endocrinologo ed è stato docente presso l’Università di Modena e Reggio Emilia. Attivo in politica dalla fine degli anni ‘90, ha fondato l’Associazione Giorgio La Pira e nel 1999 è entrato nel consiglio comunale della sua città nelle fila del PPI. L’anno dopo diventa consigliere regionale e nel 2001 aderisce alla Margherita.

Nel 2004 si candida a sindaco di Reggio Emilia e viene eletto al primo turno, primo sindaco della città a non provenire dal PCI. Aderisce alla corrente di Matteo Renzi e nel 2011 succede a Sergio Chiamparino come presidente dell’Anci, dopo un ballottaggio con il primo cittadino di Bari Michele Emiliano, dimettendosi poi l'anno scorso dopo la nomina nel governo Letta.

Cattolico, sposato e con nove figli, in quota renziana viene nominato da Enrico Letta ministro per gli Affari Regionali, ricevendo poi la delega allo Sport in seguito alle dimissioni di Josefa Idem. In questa tornata di totoministri è stato fatto il suo nome per gli Interni e addirittura per l'Economia, ma ha prevalso la volontà di Renzi di dare le "chiavi" di Palazzo Chigi a un fedelissimo della prima ora.
Enrico Letta Government To Face Confidence Vote

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO