Sondaggi politici: gli italiani e le riforme del governo Renzi

Cosa ne pensano gli elettori di Italicum e abolizione del Senato?

I sondaggi politici condotti da Ipr per Piazza Pulita confermano fondamentalmente quello che la luna di miele tra Matteo Renzi, il suo governo, e le riforme che l'esecutivo sta provando a portare avanti. Il tutto nonostante fino a questo momento le due riforme allo stadio più avanzato (legge elettorale e abolizione del Senato) non sono di quelle che hanno ripercussioni sulle vere emergenze dei cittadini: lavoro e crisi economica. E però, evidentemente, piacciono i segnali che il governo sta mandando, in particolar modo per quanto riguarda l'abolizione del Senato.

sondaggi 1

È addirittura il 72% degli italiani a dirsi a favore della misura che dovrebbe portare a una radicale riforma di Palazzo Madama, non più elettivo e a costo zero. Contrario è solo il 17%, mentre l'11% non sa. Si tratta di numeri che dovrebbero far riflettere - da un punto di vista elettorale - quanti si stanno in questi giorni contrapponendo all'abolizione del Senato, visto che - numeri alla mano - non sono certo solo i renziani di stretta osservanza a giudicare positivamente una legge del genere.

sondaggi 2

Meno elevato il consenso che riguarda la legge elettorale Italicum, che però sembra scontare soprattutto la poca dimestichezza dell'elettorato con materie complesse come quelle che regolano le elezioni politiche. E in effetti il gruppo più importante (44%) è quello degli italiani che dichiarano di "non conoscere la legge e di non poter esprimere giudizi". Segue, con il 34%, coloro che considerano l'Italicum "una buona legge", mentre secondo il 22% non si tratta di una buona legge. Situazione quindi molto più spaccata di quanto altri sondaggi - probabilmente sulla scia dell'entusiasmo per il fatto che qualcuno si stesse finalmente occupando di una riforma attesa da anni - avevano mostrato.

sondaggi 3

Infine, secondo molte voci critiche il governo Renzi sta violando o forzando la Costituzione, sia con l'Italicum, sia con la riforma del Senato. Vero o meno che sia, la cosa non sembra interessare più di tanto agli italiani, che probabilmente esasperati nei confronti dell'immobilismo che ha contraddistinto gli ultimi vent'anni sembrano essere molto meno deferenti rispetto alla Carta di quanto ci si potrebbe aspettare. E infatti il 42% ritiene che il governo Renzi sia stravolgendo la Costituzione, ma nonostante questo sono favorevoli all'azione dell'esecutivo. Il 22% ritiene che il governo non stia stravolgendo la Costituzione, mentre solo il 20% si dichiara d'accordo con la violazione della Carta da parte di Renzi e inoltre non d'accordo con le riforme. Il 16% è senza opinione.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 332 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO