Nuovo emendamento "canguro" al Senato. Ecco che cos'è e cosa significa

Al Senato scatta (di nuovo) il "Canguro": cos'è e cosa significa l'emendamento Cociancich sul ddl Boschi.

1° ottobre 2015 - Torna alla ribalta nella scena politica italiana il cosiddetto "canguro". A gennaio di quest'anno lo strumento era stato utilizzato per far cadere 35mila proposte di modifiche alla legge elettorale, adesso il Pd lo mette in campo per superare le difficoltà sulla riforma del Senato.

Oggi l'aula di Palazzo Madama ha votato sì all'emendamento canguro presentato dal piddino Roberto Cociancich: saltati insieme tutti gli emendamenti all'articolo 1 del ddl Boschi.

Che cos'è la legge del canguro

Il caso Cociancich riporta d'attualità la domanda: che cos'è la legge del canguro? Trattasi di una norma che raggruppa tutti gli emendamenti (cioè le proposte di modifica alla legge che si sta votando) simili tra loro. Se il primo di questi viene bocciato, ecco che tutti gli altri decadono di conseguenza.

La legge del canguro è una norma antidemocratica? La si può anche considerare in questo modo, anche se è inevitabile che le cariche istituzionali dello Stato e il potere esecutivo abbiano messo in campo delle contromisure contro l'ostruzionismo a oltranza (non si può, per esempio, nemmeno più parlare senza mai fare alcuna sosta per ore e ore e ore).

L'obiettivo, quindi, è velocizzare i tempi in cui una legge viene approvata e che va di pari passo (ma è molto meno drastica) della tagliola (che prevede, per ogni gruppo, un limite di ore di parole in Aula finito il quale questo limite si può votare) o la ghigliottina (che costringe l'aula a votare tutti gli emendamenti entro una certa data, superata la quale si procede comunque al voto finale senza più esaminare i vari emendamenti).

GERMANY-ANIMAL

Il "canguro" nella legge elettorale


21 gennaio 2015

Aggiornamento ore 16.41 - Mentre il Senato della Repubblica procede con la lettura e la votazione degli emendamenti alla nuova legge elettorale (il famoso Italicum) nuove polemiche rinfocolano il dibattito politico e, di mezzo, c'è sempre la zoologia: alla legge elettorale infatti sono stati presentati migliaia di emendamenti, ben 47mila, che rischiano di dilungare oltremodo la discussione e la votazione della nuova norma elettorale.

Una questione che il governo in primis intende risolvere: e così il senatore del Partito Democratico Stefano Esposito ha presentato un maxiemendamento (chiamato con poca fantasia "supercanguro" o "Espositum") che è passato in Aula con 175 sì, 110 no e 2 astenuti: l'effetto è immediato e cadono così di fatto 35mila proposte di modifica delle 47mila presentate alla legge elettorale. L'emendamento Esposito prevede, tra l'altro, un premio di maggioranza alla lista che ottiene il 40% dei voti; il ballotaggio; 100 capilista 'bloccati', soglia minima del 3%, doppia preferenza di genere, nessuno può essere candidato in più collegi salvo i capolista nel limite di 10 collegi, clausola di salvaguardia al primo luglio 2016.

Resta il nodo sui restanti emendamenti, che a questo punto potrebbero essere ulteriormente saltati con un nuovo emendamento tipo "Espositum":

"Le preclusioni sarebbero di 35 mila e rotti a fronte di 47 mila presentati. I residui potrebbero essere oggetto in seguito a ulteriori operazioni che riguardano aspetti animaleschi"

ha dichiarato alla stampa il vicepresidente del Senato della Lega Roberto Calderoli. In precedenza il Senato aveva bocciato con 170 voti contrari, 116 favorevoli e 5 astensioni la modifica presentata dall’esponente della minoranza del PD Miguel Gotor, che puntava a modificare la proporzione tra nominati ed eletti con le preferenze.

Che cos'è la legge del canguro

Nessun accordo tra maggioranza e Sel, un emendamento del partito di Vendola viene bocciato e di conseguenza scatta la legge del canguro, che fa decadere 1.400 emendamenti proposti da Sinistra Ecologia e Libertà. E di conseguenza, non può che scattare la domanda: che cos'è la legge del canguro? Trattasi di una norma che raggruppa tutti gli emendamenti (cioè le proposte di modifica alla legge che si sta votando) simili tra loro. Se il primo di questi viene bocciato, ecco che tutti gli altri decadono di conseguenza.

La legge del canguro è una norma antidemocratica? La si può anche considerare in questo modo, anche se è inevitabile che le cariche istituzionali dello Stato e il potere esecutivo abbiano messo in campo delle contromisure contro l'ostruzionismo a oltranza (non si può, per esempio, nemmeno più parlare senza mai fare alcuna sosta per ore e ore e ore).

L'obiettivo, quindi, è velocizzare i tempi in cui una legge viene approvata e che va di pari passo (ma è molto meno drastica) della tagliola (che prevede, per ogni gruppo, un limite di ore di parole in Aula finito il quale questo limite si può votare) o la ghigliottina (che costringe l'aula a votare tutti gli emendamenti entro una certa data, superata la quale si procede comunque al voto finale senza più esaminare i vari emendamenti).

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 148 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO