Incontro tra Renzi e Berlusconi finito dopo un'ora. Si rivedranno martedì

Nuovo incontro Renzi Berlusconi, in ballo c'è sempre il Patto del Nazareno e soprattutto l'Italicum e il Quirinale.

17:20 Renzi e Berlusconi si rivedranno probabilmente martedì prossimo, e stavolta l'incontro sarà incentrato sulla scelta del nuovo Capo dello Stato, mentre oggi si è parlato solo di Italicum. L'indiscrezione sul prossimo rendez-vous è emersa nel corso di una riunione tra Berlusconi e i senatori di FI, in cui inoltre l'ex premier ha invitato a tenere fede al patto del Nazareno.

11.58 Si è conluso l'incontro Renzi-Berlusconi. Il leader di Forza Italia ha lasciato Palazzo Chigi dopo circa un'ora.

11.00 Silvio Berlusconi è arrivato da pochi minuti a Palazzo Chigi. Iniziato l'incontro con Matteo Renzi.

9.50 Sarà alle ore 10.30 l'incontro tra Renzi e Berlusconi. I due si vedranno a Palazzo Chigi, a quanto pare lo slittamento è dovuto al ritardo dell'ex Cavaliere in arrivo da Milano.

20 gennaio - È previsto per stamattina l'incontro tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, un incontro in cui si affronteranno i due grandi temi del momento: le riforme (nel giorno in cui l'Italicum affronta la prova dell'aula) e la scelta di un candidato per la successione a Giorgio Napolitano.

Ieri i due leader hanno avuto giornate impegnative ma di segno opposto: se Berlusconi è riuscito a ricucire lo strappo interno con Brunetta, e ha incontrato l'ex delfino Alfano con cui ha concordato una strategia comune per il Colle, il premier ha invece visto un altro strappo nel Pd. Nonostante il tentativo di trovare un'intesa con la minoranza, un gruppo di senatori democratici ha annunciato il voto contrario all'Italicum se non dovessero essere accolte le proposte di modifica delle liste bloccate.

Renzi si trova quindi di nuovo a dover scegliere se trovare un accordo con Berlusconi e poi farlo digerire ai suoi, oppure se prediligere una decisione interna al partito da sottoporre all'ex cavaliere. Il quale, forte di una ritrovata unità nel partito, probabilmente chiederà a Renzi per il Colle un nome esterno al Pd, e sottoporrà i nomi di Amato, Casini e Mattarella.

L'incontro del 12 novembre


23.07

- L'incontro tra Renzi e Berlusconi sarà domani alle 18, l'ha confermato il premier parlando a Porta a Porta: "Il problema non credo sia Berlusconi ma i suoi, i Brunetta, i Fitto. Hanno fatto pace? Speriamo. Litigare fa sempre male, improvvisamente FI mostra libertà interna. Tutta insieme gli ha fatto male... Le regole del gioco si fanno insieme ma non significa che se non sono d'accordo non si fanno".

11 novembre - È ancora in forse l'incontro di domani tra Renzi e Berlusconi, che dovrebbe puntellare lo scricchiolante patto del Nazareno e trovare un accordo definitivo sull'Italicum, sul quale il governo è intenzionato ad accelerare. E però le tensioni interne a Forza Italia non rendono possibile capire se domani l'incontro effettivamente si farà. Il capogruppo al Senato Romani ha fatto sapere che "l'incontro non è in agenda si vedrà nelle prossime ore. Il Pd deve però ritirare tutte le modifiche all'Italicum che non sono state concordate. Comunque, Forza Italia è ancora in campo per le riforme". I dubbi vengono esternati anche dal Pd, per voce di Maria Elena Boschi: "Non posso confermare l'incontro di domani, non so se ci sarà. Non so se sia stato confermato. Alla luce delle dichiarazioni del presidente Berlusconi sulla volontà di trovare un accordo sulla legge elettorale immagino che possa esserci un nuovo confronto con Fi a breve".

Incontro Renzi-Berlusconi: ma il patto scricchiola

18.45 - L’incontro di oggi tra Renzi e Berlusconi non è andato bene come ci si aspettava. In linea di massima ci sarebbe stata intesa, ma non si sarebbe riuscito a trovare un accordo sui tempi: Renzi vorrebbe accelerare i tempi per l’approvazione della legge elettorale, ma Berlusconi, lo scrive l’ANSA, avrebbe preso tempo.

5 novembre 2014 - Oggi, per l’ennesima volta nel giro di pochi mesi, il premier Matteo Renzi ha incontrato il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, in un faccia a faccia a Palazzo Chigi durato circa un paio d’ore a cui hanno preso parte anche Gianni Letta e Denis Verdini.

Al centro dell’incontro, come la riforma della legge elettorale e il superamento dello stallo per l'elezione dei due giudici della Consulta, sempre più imbarazzante col passare dei giorni.

Secondo quanto si è appreso da fonti del PD, il premier avrebbe proposto a Berlusconi di introdurre un premio di lista per chi supera il 40% (invece del 37% presente nella bozza) e una soglia di ingresso del 5%. Al momento non sono stati rilasciati comunicati ufficiali a margine dell’incontro, ma aspettiamoci pure a breve qualche dichiarazione da entrambe le parti coinvolte.

L'incontro del 17 settembre 2014

19.35 - Lorenzo Guerini, vicesegretario del PD presente all’incontro, ha precisato a margine del faccia a faccia che Renzi e Berlusconi hanno fatto il punto sullo stallo nell’elezione dei membri della Consulta e sulle riforme:

Non si è parlato di Consulta e di Csm se non per condividere l’appello del Capo dello Stato. I gruppi si sono già pronunciati e andiamo avanti con quei nomi.

Guerini ha poi aggiunto che i due si sono trovati concordi sulla necessità di velocizzare la riforma della legge elettorale con la calendarizzazione in tempi brevi in Commissione al Senato.

18.45 - L’incontro si è concluso dopo 1 ora e 45 minuti. Qualche dettaglio in più dovrebbe arrivare a breve. Al faccia a faccia hanno partecipato anche Gianni Letta, Denis Verdini e il vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini.

17.10 - SkyTg24 ha confermato l’arrivo di Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi. L’incontro dovrebbe essere già cominciato.

17.08 - Il Giornale conferma l’incontro, citando fonti di Forza Italia:

La nostra posizione non cambia, è Renzi che deve dirci cosa vuole fare sui prossimi provvedimenti. Per noi il patto tiene.

17.05 - Dal Governo continuano a non arrivare conferme ufficiali. La notizia è stata diffusa da fonti parlamentari di Forza Italia, ma al momento non è chiaro se l’incontro avverrà o meno.

17 settembre 2014 - Si terrà oggi pomeriggio a Palazzo Chigi il nuovo incontro tra il premier Renzi e Silvio Berlusconi, leader di FI, l’atteso faccia a faccia che almeno sulla carta dovrà servire a fare un punto sulle riforme al voto in questi giorni e, altrettanto importante, su quelle imbarazzanti votazioni per la scelta dei candidati di Csm e Consulta che vanno avanti ormai da giorni senza successo.

L’incontro dovrebbe tenersi alle 17 di oggi salvo ritardi o ripensamenti dell’ultimo minuto. Renzi, nel primo pomeriggio di oggi, ha già incontrato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, sempre a Palazzo Chigi.

Incontro Renzi-Berlusconi concluso dopo più di due ore. Che cosa si sono detti?


9 agosto 2014

11.40 - Silvio Berlusconi se n'è andato senza rilasciare dichiarazioni, ma qualche idea su che cosa si siano detti lui e Renzi è comunque possibile farsela. Un po' perché era più che noto il tema al centro del colloquio - le modifiche da apportare all'Italicum, come spiegato più avanti nel post - un po' per quanto detto dal portavoce del Partito Democratico Lorenzo Guerini: "Si è stabilita la possibilità di modifiche che saranno oggetto di un ampio confronto. Io sulle preferenze andrei cauto. È stato un incontro positivo. È stato confermato il cammino delle riforme. Sulla legge elettorale continuiamo entro l'impianto stabilito".

Sintetizzando, si potrebbe quindi provare a dire che non ci saranno particolari difficoltà sull'aumento della soglia per ottenere il premio di maggioranza, che sarà quindi alzata al 40% e anche sull'abbassamento della soglia di sbarramento al 4% (utile anche a Berlusconi per ricostruire una coalizione di centrodestra); mentre qualche difficoltà in più sta sorgendo sull'introduzione delle preferenze, nonostante l'idea di mantenere i capilista bloccati.

Aggiornamento 10.50 - Dopo oltre due ore e mezza si è concluso l'incontro tra Renzi e Berlusconi e il leader di Forza Italia ha lasciato Palazzo Chigi.

Silvio Berlusconi è arrivato di prima mattino a Palazzo Chigi per l'incontro con il presidente del Consiglio Matteo Renzi, attorno alle di questa mattina. "Ribadirò a Matteo di essere l'interlocutore più affidabile", avrebbe detto il Cavaliere secondo l'Ansa, accompagnato da Gianni Letta. Com'è noto, al centro di tutto ci saranno le trattative sull'Italicum, dopo che la riforma del Senato si può ormai dichiarare andata in porto.

C'è da capire se Berlusconi accetterà di mettere mano in maniera così pesante al testo dell'Italicum licenziato dalla Camera, abbassando le soglie di sbarramento per i partiti (si punta al 4%, forse addirittura il 3%); aumentare la percentuale da raggiungere per conquistare già al primo turno il premio di maggioranza (da portare al 40%) e soprattutto c'è da sciogliere il nodo preferenze.

L'incontro tra Renzi e Berlusconi

Il 18 gennaio 2014 è stato siglato quello che ormai è comunemente noto come Patto del Nazareno. Il 14 aprile i due si sono visti per una cena a Palazzo Chigi, incontro replicato il 3 luglio (insieme a Gianni Letta), sempre a Palazzo Chigi.

Scopo del nuovo incontro è quello di stabilire (il termine lo usa Repubblica, che di Renzi ne sa, non un qualche sito complottista):

le modifiche da apportare all'Italicum: si parla dell'introduzione delle preferenze, ma con il capolista bloccato, di alzare la soglia al 40% per evitare il ballottaggio e di diminuire al 4% la soglia sbarramento per i partiti.

È la legge elettorale, dunque, dopo che Renzi ha quasi completamente incassato la riforma del Senato (della quale ancora aspettiamo di conoscere i vantaggi), il tema centrale del nuovo capitolo della saga Renzi-Berlusconi.

Un nuovo capitolo che lascerà altro spazio alle critiche e alle polemiche, e di cui ci sarà dato sapere davvero poco. Se non quello che i due riterranno di farci sapere.

Matteo Renzi incontra di nuovo Silvio Berlusconi

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 342 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO