Nobel per la Pace 2014, i vincitori: Kailash Satyarthi e Malala Yousafzay

Kailash Satyarthi e Malala Yousafzay sono i vincitori del premio Nobel per la Pace 2014. Ecco chi sono.

[embed1]

12.06 Ecco il testo completo, in inglese, con le motivazioni dell'accademia che ha conferito il premio Nobel per la Pace:

The Norwegian Nobel Committee has decided that the Nobel Peace Prize for 2014 is to be awarded to Kailash Satyarthi and Malala Yousafzay for their struggle against the suppression of children and young people and for the right of all children to education. Children must go to school and not be financially exploited. In the poor countries of the world, 60% of the present population is under 25 years of age. It is a prerequisite for peaceful global development that the rights of children and young people be respected. In conflict-ridden areas in particular, the violation of children leads to the continuation of violence from generation to generation.

Showing great personal courage, Kailash Satyarthi, maintaining Gandhi’s tradition, has headed various forms of protests and demonstrations, all peaceful, focusing on the grave exploitation of children for financial gain. He has also contributed to the development of important international conventions on children’s rights.

Despite her youth, Malala Yousafzay has already fought for several years for the right of girls to education, and has shown by example that children and young people, too, can contribute to improving their own situations. This she has done under the most dangerous circumstances. Through her heroic struggle she has become a leading spokesperson for girls’ rights to education.

The Nobel Committee regards it as an important point for a Hindu and a Muslim, an Indian and a Pakistani, to join in a common struggle for education and against extremism. Many other individuals and institutions in the international community have also contributed. It has been calculated that there are 168 million child labourers around the world today. In 2000 the figure was 78 million higher. The world has come closer to the goal of eliminating child labour.

The struggle against suppression and for the rights of children and adolescents contributes to the realization of the “fraternity between nations” that Alfred Nobel mentions in his will as one of the criteria for the Nobel Peace Prize.

11.06Kailash Satyarthi

è un attivista indiano per i diritti dell'infanzia. 60 anni, è attivo nel movimento indiano contro lo sfruttamento dell'infanzia fin dal 1990 con la sua organizzazione Bachpan Bachao Andolan, che ha liberato oltre 80mila bambini da varie forme di schiavitù e ha fatto in modo che intraprendessero un percorso di reintegrazione, riabilitazione ed educazione. Molto più nota Malala Yousafzai, nata nel 1997, pakistana, è un'attivista in favore dell'educazione e in favore dei diritti delle donne. La sua azione si è concentrata nella regione dello Swat, dove i talebani avevano vietato alle donne la frequentazione delle scuole. Già all'età di 11 anni, Malala era attiva con il suo blog - scritto sotto forma anonima - descrivendo la sua vita sotto l'occupazione talebana.

11.00 I vincitori del premio Nobel per Pace 2014 sono Kailash Satyarthi e Malala Yousafzay.

10.42 Mancano pochi minuti all'annuncio del vincitore del premio Nobel per la Pace 2014. La dichiarazione avverrà infatti alle 11 da parte Thorbjørn Jagland, il presidente del Comitato norvegese per i Nobel, a Oslo in Norvegia. Il premio per il Nobel è di quasi un milione di euro. Per il momento si sa solo che le candidature presentate quest’anno sono state 278, per avere la lista di tutti i nomi non è il caso di fremere, visto che si dovranno aspettare 50 anni. Qualche indiscrezioni comunque è circolata, riportando i nomi di Papa Francesco, Vladmir Putin e l'Isola di Lampedusa. L'annuncio tra pochissimo in diretta streaming.

Nobel per la Pace 2014: chi sarà il vincitore?

Il Premio Nobel per la Pace 2014 verrà annunciato il prossimo 10 ottobre: sono ben 278 le candidature che il Comitato per il Nobel ha dovuto attentamente vagliare per quello che è uno dei premi più attesi da media e grande pubblico.

Ottobre è storicamente il "mese dei Nobel", anche se la cerimonia di premiazione si svolge il 10 dicembre, giorno dell'anniversario della morte del fondatore Alfred Nobel, allo Stockholm Concert Hall: eccezion fatta proprio per il Nobel per la Pace, che si assegna al Municipio di Oslo e non a Stoccolma.

Il vincitore del premio viene scelto dal Comitato per il Nobel norvegese, composto da cinque persone scelte dal Parlamento norvegese.

L'assegnazione del premio non si è svolta in 19 occasioni: durante la prima guerra mondiale: 1914, 1915, 1916 e neanche nel 1918 (nel 1917 venne assegnato alla Croce Rossa internazionale), negli anni tra le due guerre mondiali (923, 1924, 1928 e 1932), durante la seconda guerra mondiale (1939, 1940, 1941, 1942 e 1943, mentre anche nel 1944 venne assegnato alla Croce Rossa internazionale), negli anni della guerra fredda (1948, 1955, 1956) e durante la guerra del Vietnam (1966, 1967, 1972).

nobel_ok

Scartabellando un po' su internet siamo riusciti a trovare quelle che dovrebbero essere (condizionale d'obbligo) le candidature più gettonate per il Nobel per la Pace 2014: tra i candidati più "rumorosi" al Premio Nobel per la Pace 2014 ci sono Papa Francesco e Vladimir Putin, due nomi in apparente (evidente?) contrapposizione tra loro: il presidente della Federazione Russa avrebbe ricevuto la nomination per il suo ruolo nella crisi siriana, ma è probabile che la commissione per il Nobel valuti anche il suo intervento nella situazione ucraina.

Il suo nome è infatti emerso proprio mentre le truppe di Mosca invadevano la Crimea, un fatto che evidentemente stride con la candidatura dell'ex-Kgb ma che mostra la forza russa in campo internazionale: è stata l'Accademia internazionale dell’unità spirituale e della cooperazione tra nazioni del mondo, lo scorso ottobre, a proporre la candidatura del Presidente russo.

Il Premio Nobel per la Pace, per significato, nome ed importanza internazionale, sembra negli ultimi anni aver perduto di smalto: indipendentemente dalla candidatura di Vladimir Putin infatti, già la nomina di Barack Obama (appena eletto Presidente) fece discutere molto, così come anche la nomina dell'Unione Europea dello scorso anno.

Dopo essere stato insignito a personaggi del calibro di Nelson Mandela, Rigoberta Menchu Tum, Aung San Suu Kyi, il Dalai Lama, Desmond Tutu, Martin Luther King e tantissimi altri, sembra infatti aver perso il suo smalto, quasi come se avesse smarrito una sorta di aura attorno a se, complice le numerose situazioni di conflitto internazionale che mostrano come l'uomo sia spesso incapace di imparare dalla propria storia recente.

Il Comitato norvegese per il Nobel ha da tempo selezionato la rosa ristretta di candidati tra i quali verrà annunciato il vincitore, mantenendo tuttavia il tradizionale impenetrabile riserbo: certamente nella rosa ci sono Papa Francesco, Putin e Lampedusa.

A ricevere la nomination per il Nobel per la pace 2014 è stato un numero record di 278 candidati, incluse 47 organizzazioni: oltre a Vladimir Putin e Papa Francesco tra i candidati c'è anche Edward Snowden, la talpa del Datagate rifugiatosi proprio in Russia, nome proposto qualche tempo fa da due politici norvegesi. L'attivista diciassettenne pakistana Malala, studentessa, nota per il suo impegno per l’affermazione dei diritti civili ed all’istruzione nel suo Paese, il famosissimo Julian Assange, padre di WikiLeaks rifugiato da 3 anni nell'ambasciata equadoriana a Londra.

C'è un'altra, piccola, candidatura che da cittadini italiani ed europei dovremmo sostenere: quella di Lampedusa, divenuta simbolo di accoglienza e dolore, crocevia mediterraneo di storie umane che trovano convergenza nella piccola isola a sud della Sicilia.

8C9280114-nobel-ceremony-2012

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 288 voti.  
0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO