Carta dei diritti in internet – Diritto all'autodeterminazione informativa

Il quinto punto della Carta dei diritti internet riguarda il diritto all'autodeterminazione informativa: di cosa si tratta?

Schermata 2014-10-27 alle 09.59.23

Carta dei diritti in internet - Con il principio di autodeterminazione informativa si intende il diritto del singolo di decidere, al di fuori da pressioni esterne, se ed entro quali limiti rendere noti fatti legati alla propria vita personale.

Il principio di autodeterminazione informativa è al quinto punto della Carta dei diritti di internet e recita:


    5. DIRITTO ALL'AUTODETERMINAZIONE INFORMATIVA
    Ogni persona ha diritto di accedere ai propri dati, quale che sia il soggetto che li detiene e il luogo dove sono conservati, per chiederne l’integrazione, la rettifica, la cancellazione secondo le modalità previste dalla legge. Ogni persona ha diritto di conoscere le modalità tecniche di trattamento dei dati che la riguardano.
    Le raccolte di massa di dati personali possono essere effettuate solo nel rispetto dei principi e dei diritti fondamentali.
    La conservazione dei dati deve essere limitata al tempo necessario, tenendo conto del principio di finalità e del diritto all’autodeterminazione della persona interessata.

La nostra vita personale nell'era di Internet: le domande da porsi sono infinite e riguardano una moltitudine di aspetti del quotidiano che riguardano strettamente la nostra sfera privata. Con autodeterminazione informativa si intende quel principio in base al quale il singolo di decidere, al di fuori da pressioni esterne, se ed entro quali limiti rendere noti fatti legati alla propria vita personale.

Il diritto all'autodeterminazione informativa non è un diritto assoluto: si può e si deve esercitare nel rispetto delle esigenze superiori della comunità di cui si fa parte, così come anche le esigenze di ordine pubblico debbono essere bilanciate con il rispetto di criteri di stretta necessità e non possono tradursi in forme generalizzate di sorveglianza della vita delle persone.

Già sentenza della Corte Costituzionale tedesca emessa nel 1983 aveva considerato fondamentale questo diritto per lo sviluppo della personalità e la tutela della dignità della persona, tanto come singolo che come componente di una società democratica: oltre la libertà di espressione dunque, questo diritto riguarda strettamente anche la propria privacy, nel caso specifico nelle maglie della Rete.

Sotto il profilo della libertà di espressione il diritto all'autodeterminazione informativa permette al cittadino non solo di costruirsi una propria opinione ma di esercitare un controllo sulle autorità pubbliche, come dovrebbe essere la regola delle società democratiche. Dal punto di vista della privacy e della riservatezza invece riguarda la necessità di protezione da ingerenze del potere pubblico, un diritto riconosciuto esplicitamente dall’art. 17 del Patto delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici, dalla CEDU e dalla Carta europea dei diritti fondamentali (art.7).

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO