Andrea Marcolongo, la ex ghost writer di Renzi denuncia: "Mai stata pagata"

Parla l'autrice dei discorsi del premier, ora in rotta con Palazzo Chigi

Il suo nome era sconosciuto fino a ieri, eccezion fatta per i renziani più sfegatati che non si perdono un intervento alla Leopolda. Oggi Andrea Marcolongo – che a dispetto del nome è una ragazza – classe 1987, grecista e allieva della Scuola Holden di Alessandro Baricco, esce allo scoperto e rivela di essere l'autrice di alcuni dei discorsi più riusciti del premier. Per esempio sarebbe stata lei a suggerire a Renzi quella "generazione Telemaco" con cui aprì il semestre di presidenza italiano della Ue, espressione che si è rivelata fortunata, anche se non abbastanza da dare un senso al semestre stesso.

Ma se oggi esce allo scoperto non è per prendersi i meriti (o almeno non solo) ma per denunciare di aver lavorato per quasi un anno al seguito del premier senza essere mai stata pagata. Anzi, per l'esattezza una mensilità l'ha ricevuta – anche se non sa di preciso chi sia stato a pagarla, se il Pd, Palazzo Chigi o qualche fondazione – e poi nient'altro. Un anno al seguito del premier, a girare in lungo e in largo l'Italia e l'Europa, completamente gratis.

La storia la racconta sul nuovo numero di Panorama, e si capisce che di sassolini dalla scarpa ne vuole togliere parecchi. Perciò racconta che Renzi, a conoscenza del problema, non faceva altro che ripeterle "La prossima settimana si risolve tutto, dai che è fatta, manca solo un foglio". Ma la settimana successiva passava, e dello stipendio o del contratto non c'era traccia. E il suo non sarebbe un caso isolato: "Eravamo tutti così. Viaggi a Roma e lavori mai pagati, so di persone che si sono indebitate e sono andate dallo psicologo perché distrutti dalle promesse".

Lei ci tiene a dire che non se n'è andata per soldi, ma comunque questo deve aver pesato, al di là di possibili marette con lo staff del premier. "Mi era impossibile continuare. Non è facile per una donna, e non aggiungo altro, ma sono fiera di quello che ho fatto, perché il ghost writer è una professione riconosciuta e molto stimata in tutto il mondo. Che qualcosa non andasse lo si poteva capire dalla sua assenza alla Leopolda 2014, dopo il suo intervento alla kermesse renziana dell'anno precedente (nel video sopra).

Ora Andrea rischia di cadere in disgrazia anche con gli ex amici renziani, e d'altronde lei sembra non voler fare nulla per nascondere i suoi sentimenti: dal suo account Twitter ha ritwittato un articolo molto critico sul semestre italiano di presidenza Ue.

Schermata 2015-01-15 alle 13.14.19

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 47 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO