Elezioni Usa 2012 - Il discorso di Obama (VIDEO)

Il grido che lo accompagna dopo l'ingresso in scena con la moglie Michelle e le figlie Sacha e Malia è assordante: "Four more years". Obama ha vinto, inizia il suo secondo mandato come 45° presidente degli Stati Uniti. Decisamente più rilassato di quanto era apparso negli ultimi giorni di campagna elettorale, Obama si abbandona alle congratulazioni, alle promesse solenni e alla più classica retorica americana. Ma prima, qualche lieta nota sulla first family: "Tutto questo non è accaduto per caso, è accaduto grazie a voi e grazie al vostro lavoro. Grazie a voi, la storia americana va avanti. Michelle, non ti ho mai amato così tanto. Sacha e Malia, state diventando delle donne forti, intelligenti e bellissime, ma per il momento un cane è sufficiente".

Di rito anche le congratulazioni con i rivali e i ringraziamenti al suo vice Biden: "Lavoreremo insieme ai repubblicani, insieme alla famiglia Romney che ha deciso di fare qualcosa per il suo paese. Per questo vi chiedo di salutarli e ringraziarli. E non posso non ringraziare un amico, il miglior vicepresidente di sempre: Joe Biden". E poi, via con il discorso:

Quando attraversiamo momenti difficili come paese si generano necessariamente conflitti. Una democrazia di 300 milioni di persone può essere complicata. Forse non saremo d’accordo e ci saranno anche dei confronti aspri ma ci avete eletto per concentrarci sui posti di lavoro e per lavorare con i leader di entrambi i partiti e affrontare le grandi sfide del paese. Lo faremo. Questo paese è molto ricco, ma non sono le nostre ricchezze che ci fanno grandi. La nostra cultura, le nostre università, il fatto che siamo il paese più diverso, la comunità più intrecciata del mondo. Cresciamo in un paese in cui il senso dell’amore, della solidarietà sono valori importanti: è questo che fa l’America grande. E ho visto questi valori in America: l’ho visto nelle imprese familiari, nei lavoratori che non perdono la dignità anche se hanno perso il lavoro, nelle forze dell’ordine che vigilano ogni giorno sui nostri quartieri. L’ho visto nelle coste del New Jersey e di New York durante l'uragano Sandy.

Ma ci sono anche le questioni politiche, quelle che nonostante inciampi, compromessi e mediazioni continuano a essere i valori in cui Obama afferma di credere e che fanno sperare l'America democratica che questo secondo termine sia davvero quello della svolta:

"Ci siamo rialzati, abbiamo lottato in un periodo di crisi economica ma il meglio deve ancora venire. Non sono mai stato così ottimista sul futuro dell'America, ma non parlo di cieco ottimismo o idealismo. Qualcosa di migliore ci aspetta se abbiamo la forza di volerlo cercare. Possiamo costruire sul lavoro che abbiamo fatto sin qui. Non importa se siete bianchi o neri, ispanici o asiatici, gay o no, possiamo costruire tutti insieme l'America. Un paese in cui tutti abbiamo le stesse opportunità, in cui nessuno debba più soffrire per avere un lavoro o un tetto sopra la testa, che non sia minacciato dalle ineguaglianze, che non debba subire le minacce del cambiamento climatico. Vogliamo che i nostri figli vivano in un paese non oppresso dal debito, una nazione che sia ammirata nel mondo, sicura. Crediamo in un'America compassionevole, generosa. Vogliamo che i nostri figli crescano in un paese dove possano andare nelle migliori scuole e avere i migliori insegnanti".

L'accento è anche e ripetutamente sugli studenti, sui giovani, sugli insegnanti, sull'importanza dell'istruzione, della ricerca e dell'innovazione. Che permette agli Stati Uniti di rimanere il paese più tecnologicamente avanzato del mondo. Ma c'è spazio anche per parole in stile Kennedy.

Torno alla Casa Bianca più ispirato che mai. Dobbiamo andare avanti, ma non sempre è facile, e sono necessari compromessi. Ma l'America non è cosa possiamo fare per noi, ma cosa può essere fatto da noi. Credo che potremo raggiungere questo futuro insieme, dice Obama: siamo più grandi della somma delle nostre individualità. Siamo e saremo per sempre gli Stati Uniti d’America

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO