Elezioni USA 2012: Obama ha vinto, che succede adesso?


Barack Obama ha vinto, non c'è stato il testa a testa su cui i media avevano puntato (ma su Polisblog ve l'avevamo già anticipato) e così il presidente in carica scaccia l'incubo di essere un nuovo Jimmy Carter (sconfitto dopo un solo mandato) e diventa il secondo democratico dal dopoguerra a essere rieletto, dopo Bill Clinton. Ma che succede adesso, e cosa farà l'America nei prossimi 4 anni?

Le formalità. Nelle prossime settimane l'elezione verrà ratificata (ma si tratta di una formalità) e a gennaio il presidente inaugurerà ufficialmente il secondo mandato e nominerà il nuovo gabinetto. C'è attesa soprattutto per la nomina del nuovo Segretario di Stato al posto di Hillary Clinton e del nuovo Segretario al Tesoro al posto di Tim Geithner. Per il primo si fa insistentemente il nome di John Kerry, per il secondo le opzioni sono molte.

Fiscal cliff. Ma la prima vera sfida sarà quella del "baratro fiscale" che dovrebbe far sentire i suoi effetti dal prossimo 1 gennaio: allora scadranno infatti i bonus fiscali dell'era Bush e ci saranno 600 miliardi di dollari di tagli alla spesa e aumenti delle tasse che toccheranno il 90% delle famiglie americane se il Congresso non interverrà in qualche modo. Obama dovrà mettere d'accordo i due rami del parlamento (che rimane diviso anche dopo questo voto) su una soluzione condivisa per evitare una gravissima recessione. La mediazione non è facile (Obama insiste sulla necessità di aumentare le tasse ai più ricchi) e i mercati temono il rischio default.

Politica interna. Dal punto di vista economico, la politica di Obama non dovrebbe cambiare: con le iniezioni di liquidità da parte della Federal Reserve si cercherà di dare impulso all'occupazione, anche a costo di aumentare l'inflazione. Una ricetta che negli ultimi mesi ha cominciato a dare i suoi frutti. Per quanto riguarda le politiche sociali, Obama non avrà più il problema di doversi ricandidare, quindi è probabile che vada più a fondo sulle questioni controverse come il possesso di armi, la presenza di omosessuali dichiarati nell'esercito, e i matrimoni gay (anche grazie al risultato positivo dei referendum). Su questi temi lo scontro con i conservatori è assicurato, tantopiù che quasi certamente la Camera resterà repubblicana per tutto il quadriennio.

Politica estera. Già nelle prossime settimane si vedrà se era vera la notizia che l'Iran è disposto a iniziare le trattative sul nucleare con Washington: in questo caso sarebbe un gran successo. Dopo il ritiro dall'Afghanistan, previsto entro il 2014, è improbabile un impegno Usa in altri scenari come la Siria (più per ragioni economiche che per altro). Il governo israeliano vedeva con più favore l'elezione di Romney, ma Netanyahu è alle prese con le elezioni anticipate di gennaio e si è ben guardato dall'esprimere una preferenza.

Verso il 2016. Mentre Obama governerà per il suo ultimo mandato, i partiti cominceranno a pensare alle elezioni midterm del 2014 e soprattutto alle presidenziali del 2016. I repubblicani, dopo la seconda sconfitta consecutiva, devono ricostruire una base di consenso, senza un leader e in un paese che demograficamente diventa sempre più democratico: è probabile che a provare a conquistare la Casa Bianca saranno Paul Ryan e la nuova generazione di conservatori, come la promessa (l'Obama repubblicano) Marco Rubio, ma c'è chi scommette sulla discesa in campo di Jeb Bush, l'ultimo della dinastia. I democratici, dal canto loro, partiranno svantaggiati perché, storicamente, dopo 8 anni gli americani tendono a voler cambiare. Joe Biden accarezza l'idea di candidarsi, ma l'età (avrà 74 anni) e il generale scetticismo verso le sue capacità lo mettono fuori gioco; non è chiaro se Hillary vorrà riprovare a vincere la nomination, e manca una nuova generazione cresciuta all'ombra di Obama, a parte il giovane ispanico Julian Castro. Tanto che già di parla di un "tecnico", il generale David Petraeus, oggi direttore della CIA.

Foto |© Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO