Giornata della memoria, Renzi: "l'Italia ricorda, mai più". Papa Francesco: "una vergogna per l'umanità"

Il presidente del consiglio Renzi affida a twitter il suo ricordo.


Aggiornamento 12:35. Per la presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini è "triste e preoccupante" che a 70 anni dalla scoperta di Auschwitz "molti ebrei lascino l'Europa perché percepiscono un rischio per la propria sicurezza". Durante il suo intervento alla commemorazione per la Giornata della Memoria Boldrini ha aggiunto: "Dobbiamo contrastare chi semina odio antisemita, approfittando anche di strumenti come il web". Durante la cerimonia sono state consegnate sette medaglie ai reduci dai campi di sterminio nazista mentre c'è da registare il vile atto consumatosi nella notte a Roma dove è comparso uno striscione antisemita, prontamente rimosso, nel parco dedicato al quinto premier israeliano Rabin, ucciso in un attentato terroristico. Il presidente dimissionario della Repubblica Giorgio Napolitano ricorda quanto sia importante: "Vigilare sempre su antisemitismo e razzismo". Papa Francesco nel ricordare la tragedia dell'olocausto ammonisce: "Mai più questi orrori, una vergogna per l'umanità". Il papa ha scritto una lettera a un suo amico rabbino di Buenos Aires, Abraham Skorka, missiva che stasera sarà letta al Parco della Musica di Roma. In un tweet invece Bergoglio parla di un grido di dolore e di una sofferenza enormi per l'Olocausto:

L'Italia onora e ricorda la #giornatadellamemoria a 70 anni dall'orrore di Auschwitz, il campo di concentramento nazista in Polonia, il presidente del consiglio Matteo Renzi a proposito della fine dell'incubo nazista, con la liberazione il 27 gennaio 1945 del campo di sterminio da parte dell'armata rossa sovietica, twitta:

Il mondo oggi riflette e si ferma pensando a quali livelli ha potuto raggiungere la barbarie umana, poco più di sessanta anni fa.

"L'Italia è in prima fila contro l'antisemitismo e contro tutte le intolleranze religiose"

dice il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, intervenuto in occasione della Giornata della Memoria. Il titolare della Farnesina dice che

"la Giornata della Memoria è un appuntamento importante e sentito da tutti gli italiani. Episodi di antisemitismo continuano a manifestarsi nel mondo e ci pongono di fronte a nuove sfide. Oltre ad una condanna univoca e netta degli atti antisemiti e della loro matrice ideologica, sono convinto che serva proseguire una battaglia culturale contro tutte le intolleranze per favorire il rispetto delle identità religiose".

Sempre Gentiloni ricorda che:

"legge del 2000 che istituisce nel nostro Paese la Giornata della Memoria ha preceduto di cinque anni la decisione dell'Assemblea Generale ONU di proclamare il 27 gennaio quale Giornata del ricordo delle vittime dell'Olocausto. L'Italia ha sostenuto la sessione che l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dedicato all'antisemitismo per la prima volta il 22 gennaio scorso e nel quadro del Semestre di Presidenza dell'UE ha promosso il Simposio Europeo sull'Educazione alla Shoah, con l'obiettivo di creare una rete europea di esperti per scambiare esperienze sulla promozione della memoria dell'Olocausto in Europa"

a confermare l'importanza che l'Italia attribuisce alla giornata internazionale per il ricordo delle vittime della Shoah.

 Giorno memoria


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 84 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO