Elezioni USA 2016: Mitt Romney rinuncia alla terza corsa alla Casa Bianca

L’ex governatore del Massachussets, sconfitto alle presidenziali Usa 2012, rinuncia a una nuova corsa alla Casa Bianca

Mitt Romney ha detto basta, due candidature possono bastare. L’ex governatore del Massachussets che nel 2008 era stato battuto nelle primarie del Partito Repubblicano da John McCain e nel 2012 nelle presidenziali da Barack Obama ha ufficializzato quest’oggi la sua rinuncia a un terzo tentativo.

Dopo avere considerato l’opportunità di partecipare a un’altra corsa alla presidenza ho deciso che è meglio dare ad altri leader del partito l’opportunità di diventare il nostro prossimo candidato,

ha detto Romney in una conference call.

Mancano 22 mesi alle prossime elezioni e a breve inizierà la lunga corsa alla Casa Bianca. Romney ha spiegato che occorre puntare sulla “prossima generazione di leader repubblicani” su un nome nuovo che sia in grado di battere il candidato democratico.

Nonostante la rinuncia, Romney ha dichiarato che qualora avesse partecipato alla corsa per le presidenziali, il risultato avrebbe potuto essere a suo favore, questo perché segnali molto positivi erano venuti dai finanziatori del Partito Repubblicano, i lobbisti che non vedrebbero di buon occhio un’altra sconfitta nel duello con i Dem.

Romney aveva depistato tutti lo scorso 9 gennaio quando a New York aveva dichiarato “voglio essere presidente” al cospetto di 30 potenziali donatori. In un sondaggio condotto due settimane fa fra i repubblicani dell’Iowa, Romney è stato il politico con il maggiore consenso arrivando al 21%, al secondo posto il partito degli indecisi, al 18%, e al terzo Jeb Bush, ex governatore della Florida con il 14%.

Mitt Romney Holds Primary Night Gathering

Via | The Guardian

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO