Il "tesoro" di Alleanza Nazionale e le grandi manovre a destra di Forza Italia

Il nuovo contenitore di Isabella Rauti è solo l'ultimo segnale che qualcosa si sta muovendo

Lentamente, qualcosa sta succedendo nella galassia di centrodestra orfana di Alleanza Nazionale. Qualcosa che, però, non necessariamente porterà alla nascita di un nuovo soggetto politico, perché le ragioni di questi movimenti non sono legate tanto a questioni ideologiche ma a calcoli economici, e riguardano soprattutto il famoso "tesoro" di Alleanza Nazionale.

In breve, al momento dello scioglimento nel 2009, AN godeva di un patrimonio immobiliare e patrimoniale di circa 200 milioni di euro, ottenuto da donazioni, investimenti e accurata gestione dei rimborsi elettorali. Un patrimonio che ovviamente faceva gola a molti ma che si è rivelato un problema nel momento in cui ad AN è seguita una diaspora, con una parte del partito confluita in Forza Italia, poi la scissione di Fini con Futuro e Libertà, poi la fuoriuscita di La Russa e Meloni con Fratelli d'Italia, infine l'alleanza tra FdI e La Destra per riprendersi il simbolo di Alleanza Nazionale. Senza contare i nuovi movimenti di destra che stanno nascendo negli ultimi mesi, e che a vario titolo rivendicano l'eredità (non solo simbolica) di quello che è stato il principale partito di destra italiano.

Le grandi manovre a cui si assiste negli ultimi mesi sono dovute essenzialmente a due ragioni: la prima è, questa sì, politica. Berlusconi appare inevitabilmente sul viale del tramonto, stretto tra decadenza, patto del Nazareno e fronda interna, e destinato a cedere il passo alla Lega di Salvini, per cui tutti quelli che in questi anni hanno vissuto di rendita stanno cercando un nuovo approdo. La seconda ragione riguarda, di nuovo, il "tesoro". Attualmente il patrimonio è in mano alla Fondazione Alleanza Nazionale, guidata da Franco Mugnai e nel cui consiglio di amministrazione troviamo vari nomi della galassia ex-An, da La Russa e Meloni ad Alemanno, passando per Gasparri e Matteoli. I vecchi "colonnelli" di Fini che però hanno preso strade diverse. Contro la Fondazione si sono schierati nel corso degli anni, da posizioni diverse, altri ex-An, da Bocchino (e quindi Fini) a Storace, contestando la legittimità dell'ente e la gestione dell'eredità di AN (si è fatto notare, a ragione, che la Fondazione non ha previsto nessuna celebrazione per i vent'anni dalla nascita del partito).

Ora però qualcosa è cambiato. Intanto, pare che alcuni esponenti storici della destra (ma non "colonnelli") come Roberto Jonghi Lavarini, stiano pensando a un'azione giudiziaria, con la benedizione di Donna Assunta Almirante, per difendere i diritti di tutti gli ex iscritti ad AN, iniziativa a cui se ne affiancherebbe anche una politica, come il Progetto Nazionale lanciato dallo stesso Jonghi Lavarini. Al contempo, si nota un insolito attivismo da parte di Gianfranco Fini, che nonostante il flop di Fli prima e dell'iniziativa "Partecipa!" dopo, sta tentando di riaffacciarsi sulla scena pubblica polemizzando con alcuni ex delfini, ma al tempo stesso cercando di placare le acque, e in questo senso viene letta la decisione di due fedelissimi finiani, Giuseppe Consolo e la ex segretaria Rita Marino, di ritirare il ricorso al Tar contro la legittimità della Fondazione. Questo gesto potrebbe essere seguito da altri di fedelissimi di Fini, alle prese con gli stessi ricorsi.

E intanto si parla di un riavvicinamento tra Fini e Gianni Alemanno. L'ex sindaco di Roma, caduto in disgrazia per lo scandalo Mafia Capitale, dopo l'ingresso in FdI è ora coinvolto nella nascita del nuovo progetto Prima l'Italia lanciato da sua moglie Isabella Rauti. La "cosa nera", come è stata ribattezzata, potrebbe essere un contenitore per i vari transfughi della destra in vista delle prossime elezioni regionali. Per ora Prima l'Italia non è un partito, appare vicino a FdI più che alle altre anime, ma qualcosa si muove anche in FI, con Gasparri e Matteoli particolarmente "movimentisti". E sullo sfondo, sempre il patrimonio da salvare da ulteriori spartizioni.

cosa nera alleanza nazionale

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO