Pacchetto anticrisi: Berlusconi toglie gli sgravi per il risparmio energetico


Ieri vi abbiamo descritto con cura i vari punti del pacchetto anticrisi del governo Berlusconi: ci siamo tuttavia scordati di riferirvi di un dettaglio del DL 185/08 del 29 -11-2008 che è stato rilanciato da parecchie fonti nel corso della giornata di ieri. Ci stiamo riferendo a quella che Assoedilizia ha definito "una stangata, retroattiva dal 1 gennaio 2008, per le detrazioni del 55 % relative agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici".

Di cosa si tratta? Lo spiegano egregiamente in questo post i cugini di ecoblog: ottenere gli sgravi fiscali su Irpef e Iras per interventi di risparmio energetico negli edifici diventerà molto più difficile. Se non impossibile: è previsto infatti che l'Agenzia delle Entrate esamini ogni richiesta, e in caso di non risposta entro 30 giorni varrà il curioso principio del "silenzio-dissenso". Sgravio negato. Ed è noto come la Pubblica Amministrazione italiana sia efficiente e lesta nel rispondere...

Verrà poi posto un tetto per i contributi da parte dello Stato, sforato il quale, nessuna domanda sarà più accolta. E c'è di più: essendo retroattivo, il provvedimento mette in serio imbarazzo coloro che magari hanno acquistato quest'anno impianti solari termici, nella convinzione di ricevere poi uno sgravio. Tra gli user di ecoblog c'è addirittura chi dichiara che in questo modo finirà per perdere ben 34.000€.

La linea del governo si conferma quindi risolutamente anti-ambientalista e in assoluta controtendenza rispetto al resto d'Europa. Questo provvedimento ha infatti come primo effetto quello di mettere in difficoltà il settore delle aziende del solare termico. E, incredibilmente, riesce nell'impresa di attirarsi le critiche perfino di Assoedilizia: non proprio degli ambientalisti facinorosi alla Greenpeace, ma anzi tra i primi sostenitori della linea anti-accordo europeo sul clima del Governo.

Probabilmente tra i redattori del pacchetto anticrisi c'è chi pensa che installarsi un pannello solare in casa sia un lusso da non incentivare. Un po' come abbonarsi a Sky.

Foto: now picnic, Flickr.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO