Giubileo: che cos'è

Il Giubileo - o Anno Santo – è un anno dedicato alla remissione dei peccati e delle pene per i peccati, che si basa sulla tradizione dell'Antico Testamento

Il Giubileo - o Anno Santo - è “l'anno della remissione dei peccati e delle pene per i peccati – come leggiamo sul sito del Vaticano – è l'anno della riconciliazione tra i contendenti, della conversione e della penitenza sacramentale e, di conseguenza, della solidarietà, della speranza, della giustizia, dell'impegno al servizio di Dio nella gioia e nella pace con i fratelli”. Il Giubileo affonda le radici nell'Antico Testamento: nel libro del Levitico (25,10-13) si legge, infatti:

Dichiarerete santo il cinquantesimo anno e proclamerete la liberazione nella terra per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un giubileo; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e nella sua famiglia. Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non farete né semina né mietitura di quanto i campi produrranno da sé, né farete la vendemmia delle vigne non potate. Poiché è un giubileo: esso sarà per voi santo; potrete però mangiare il prodotto che daranno i campi. In quest'anno del giubileo ciascuno tornerà nella sua proprietà.

Il Giubileo può essere di due tipologie: ordinario e straordinario; nel primo caso è connesso a scadenze prestabilite; straordinario, indetto per qualche avvenimento di particolare importanza. Giubileo ordinario è stato quello del 2000 e prima ancora quello del 1975, per esempio; sempre ordinario sarà quello del 2025: in pratica la chiesa cattolica lo celebra ogni venticinque anni. Giubileo straordinario sarà quello indetto da papa Francesco e dedicato alla Misericordia che andrà dall'8 dicembre 2015 al 20 novembre 2016. Non è questo il primo Anno Santo straordinario celebrato nella chiesa cattolica: ricordiamo quello indetto da Pio XI nel 1933 per la ricorrenza centenaria della Redenzione e quello del 1983 indetto da Giovanni Paolo II per il 1950esimo anniversario della Morte e Risurrezione di Cristo.

Il Giubileo è caratterizzato da alcuni riti particolari, il più noto dei quali è l'apertura della Porta Santa in Vaticano: è una porta che viene aperta solo durante gli Anni Santi e durante il tempo normale è murata; anche le basiliche romane hanno la loro Porta Santa, che viene aperta dal papa in diversi momenti. Con il passare degli anni il rito di apertura della Porta Santa è stato molto semplificato: dal muro abbattuto si è passato alla semplice apertura da parte di Giovanni Paolo II nel corso dell'ultimo giubileo del 2000. Nel corso degli anni, poi, i pontefici hanno esteso a tutte le diocesi la possibilità di aprire la Porta Santa, per facilitare la celebrazione dell'Anno Santo nelle singole zone: ogni vescovo può, così, designare quali siano le “Porte Sante” della propria diocesi. Le Porte Sante restano aperte un'anno e poi vengono richiuse e murate.

Il primo giubileo risale al 1300 e fu indetto da papa Bonifacio VIII.

Papa Giovanni Paolo II apre l'Anno Santo della Redenzione nel 1983

Foto | Wikimedia Commons

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO