Primarie PD a Venezia: ha vinto Felice Casson, è lui il candidato sindaco

Casson si è affermato in tutte le zone della città. L'affluenza è stata di 12.888 votanti.

Lunedì 16 marzo 2015 - Felice Casson ha vinto le primarie e sarà dunque il candidato del Pd alle elezioni per il nuovo sindaco di Venezia. Il senatore vicino a Pippo Civati ha ottenuto il 55,6% delle preferenze per un totale di 7.168 voti, piazzandosi davanti a Nicola Pellicani, che ha avuto il 24,42% ossia 3.147 voti, e a Jacopo Molina, fermo al 19,96%, vale a dire 1.573 voti.

L'affluenza è stata di 12.888 votanti. Casson ha raccolto il 60% delle preferenze nella parte di città sulla terraferma, ma è andato bene anche nel centro storico, dove ha avuto circa il 55% dei voti.

Dopo la notizia della vittoria Casson ha ricevuto le telefonate dei suoi avversari, ma anche di Ignazio Marino, il sindaco di Roma, che, ha detto, gli ha fatto i complimenti e gli ha dato il benvenuto nel club dei sindaci, perché è certo della sua vittoria.

Casson aveva provato a essere eletto sindaco di Venezia anche nel 2005, quando venne sconfitto per pochi voti da Massimo Cacciari.

Felice Casson candidato sindaco Pd a Venezia

-

Primarie PD a Venezia


Domenica 15 marzo 2015

Seggi aperti dalle 8 alle 20 a Venezia per le primarie cittadine del Partito Democratico: gli iscritti al Pd e gli elettori del centrosinistra veneziano decideranno oggi il candidato per la corsa a sindaco di Venezia, una poltrona diffile sopratutto dopo lo choc giudiziario in laguna del caso Mose.

Il voto delle elezioni amministrative è previsto per il prossimo 31 maggio. Sono tre i candidati in lizza per il primato democratico: Felice Casson, Nicola Pellicani e Jacopo Molina.

I seggi si sono aperti questa mattina alle 8 e le operazioni di voto procederanno fino alle 20 di questa sera: Emanuele Roseghin, segretario cittadino del Partito Democratico, ha lanciato un appello affinchè le operazioni di voto si svolgano nel modo più corretto e trasparente possibile.

"I cittadini vengano a votare alle primarie: non si tratta solo di scegliere uno dei tre candidati ma di condividere un percorso progetti e contenuti per il centrosinistra [...] Sono chiamati a votare gli elettori del centrosinistra e solo quelli. Se arriva ai seggi un rappresentante del centrodestra? Lo ringraziamo e gli chiediamo di presentarsi alle urne a maggio, al voto vero e proprio".

un tentativo (molto vago, va detto: gli elettori di centrodestra o grillini, o i non votanti, in genere non portano scritto in fronte la propria parte politica) di sedare sul nascere le polemiche che ad ogni tornata elettorale interna ai democratici infiammano i giorni (precedenti e successivi) al voto.

I casi della Liguria e della Campania sono ancora cocenti nella memoria dei democratici, che in Veneto si giocano tutto nella sfida oramai chiave contro la Lega Nord (il 31 maggio si vota anche per rinnovare il Consiglio Regionale).

(in aggiornamento)

20150222_primarie

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO