Elezioni Rovigo 2015, risultati comunali: Bergamin nuovo sindaco

Tutto sulle elezioni 2015 a Rovigo

Elezioni Rovigo 2015, candidati, diretta, risultati

15 giugno - Il leghista Massimo Bergamin è il nuovo sindaco di Rovigo, al ballottaggio ha conquistato il 59,72% dei voti battendo così la candidata del centrosinistra Nadia Romeo che si è fermata al 40,28% delle preferenze. Dopo un anno di commissariamento il comune torna al centrodestra, ma è la prima volta di un sindaco leghista. I risultati sono definitivi, l'affluenza è stata del 42,66% dei votanti.

21.40 - A Rovigo sarà ballottaggio tra Nadia Romeo del Pd e Massimo Bergamin di Lega e Forza Italia. 23% per la prima, 18% per il secondo. Silvia Menon chiude al 15%, Avezzù al 14%, Vernelli al 10%, Ferrari al 5%, Bimbatti al 4%, Saccardin al 3%, Nalin al 2%, Donegatti allo 0,7%

21.12 -Con 40 sezioni scrutinate su 56, Nadia Romeo (Pd) è in testa con il 23,87% dei voti. A seguire Bergamin (18,92%) e Menon (15,30%).

18.50 - Con 20 sezioni scrutinate su 56, Nadia Romeo (Pd) è in testa con il 24,96%. Seguono Bergamin (18,51%), Avezzù (15,52%), Menon (14,61%).

17.41 - A Rovigo è sempre in testa Nadia Romeo (Pd), ma con una percentuale molto ridimensionata rispetto alle prime proiezioni. Con 10 sezioni scrutinate su 56, è al 27,06%. A seguire Massimo Bergamin (18,9%), Paolo Avezzù (16,80%), Silvia Meon (11,43%).

1° Giugno 2015- Da Rovigo arrivano i primi dati: la candidata del centrosinistra, Nadia Romeo sarebbe al 59,09% dei voti, mentre Massimo Bergamin (Forza Italia e Lega Nord) sarebbe fermo al 13,63%. Tuttavia, questi numeri sono da prendere con le molle, visto che le sezioni scrutinate sono appena 2 su 56. L'affluenza nel comune veneto si attesta al 64,21% contro il 70,97% del 2011.

Tra i comuni italiani che andranno al voto nel prossimo Election Day del 31 maggio c'è anche Rovigo, che torna alle urne con un anno d'anticipo per rinnovare il consiglio comunale. Il capoluogo del Polesine, 51.000 abitanti per 109 km2 di estensione, è andato al voto per l'ultima volta nel 2011, quando vinse Bruno Piva, a capo di una coalizione di centrodestra. La consiliatura è terminata però a febbraio 2014, quando i dissidi interni alla maggioranza hanno portato Piva alle dimissioni e il Comune è stato commissariato per oltre un anno.

Causa scatenante delle dimissioni è stata la bocciatura della vendita ad Ascopiave di Asm set, la società municipalizzata che vende il gas, ma si è trattato solo della goccia che ha fatto traboccare il vaso per una coalizione litigiosa e disunita. Non a caso, oggi il centrodestra si presenta frammentato al voto.

Sono 10 i candidati sindaco, e ben 549 quelli che aspirano a un posto nel consiglio comunale.

Il candidato del Pd è Nadia Romeo che può contare sull’appoggio di quattro liste: Partito democratico, Partito socialista Italiano, Viva Rovigo e Rovigo cambia verso.

Anche il centrosinistra si presenta disunito, e Sinistra Ecologia e Libertà corre appoggiando in solitaria Giovanni Nalin.

Alla stessa area fa riferimento anche Livio Ferrari appoggiato da tre liste: Liberi cittadini per il Polesine, La Sinistra per l’Altra Rovigo, Coscienza comune

Il Movimento 5 Stelle punta invece su Ivaldo Vernelli, classe 1955, nato a Senigallia ma trapiantato nel Polesine, ex editore ed esperto di teatro.

Paolo Avezzù, avvocato, è uno dei numerosi candidati di centrodestra ed è sostenuto da quattro liste: Area Popolare per Rovigo, Lista Tosi per Rovigo, Obiettivo Rovigo e Vero Nuovo.

Massimo Bergamin è invece il candidato scelto dalla Lega Nord Rovigo e Forza Italia. Bergamin, già segretario comunale della Lega a Rovigo, venne "epurato" da Flavio Tosi, ma è tornato al suo posto dopo la fuoriuscita del sindaco di Verona dalla Lega ed è stato promosso candidato sindaco.

Federico Donegatti è invece sostenuto dalla lista Movimento sociale Italiano Fiamma tricolore – Forza Nuova.

Seguono Andrea Bimbatti sostenuto dalla civica Una lista di risposte, Silvia Menon sostenuta dalla lista Silvia Menon candidato sindaco e Antonio Gianni Saccardin sostenuto da Presenza Cristiana.

Per le elezioni amministrative a Rovigo si vota domenica 31 maggio, se nessuno dei quattro candidati raggiungerà il 50% più un voto si andrà al ballottaggio due settimane dopo. Si vota, come in tutti i Comuni con più di 15.000 abitanti, con una sola scheda, sulla quale saranno già riportati i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco e, a fianco di ciascuno, il simbolo o i simboli delle liste che lo appoggiano. Si può votare solo una lista (in quel caso il voto si estende al candidato sostenuto), si può votare una lista e un candidato appoggiato da un'altra lista (voto disgiunto), oppure votare solo il candidato (in quel caso il voto NON si estende alla lista).

Su questa pagina noi di Blogo vi daremo aggiornamenti in diretta sui risultati.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO