Sondaggi politici, 17 luglio 2015: il Movimento 5 Stelle si avvicina al Pd

La distanza continua a ridursi. E se si voterà con l'Italicum potrebbero esserci grosse sorprese.

sondaggi politici movimento 5 stelle

I sondaggi politici, ormai da mesi, registrano una chiarissima dinamica: il Movimento 5 Stelle continua a crescere, per via degli scandali che non smettono di colpiscono la classe politica tradizionale e anche per via di proposte di oggettivo successo come quella del reddito minimo garantito; allo stesso tempo il Partito Democratico ha perso la spinta propulsiva, a causa delle impasse dell'esecutivo, di una popolarità al ribasso (abbastanza normale dopo un anno e mezzo di governo) e di alcuni scandali in cui proprio esponenti del Pd sono stati coinvolti.

Il risultato, come si vede nei sondaggi Demos, è che il Movimento 5 Stelle è arrivato fino al 26%, crescendo addirittura di 5 punti rispetto ai sondaggi del maggio 2015. Allo stesso tempo, il Partito Democratico è sceso fino al 31%, il che significa che nel giro di due mesi ha perso ben 4 punti percentuali. Se il trend proseguisse ancora qualche tempo, si potrebbe anche pensare che il M5S possa puntare a un sorpasso, anche se per il momento il distacco è ancora significativo e non fa immaginare che il "cambio al vertice" sia imminente.

Altro aspetto interessante è che il centrodestra, ormai, creando un listone unico, è in grado di insidiare i due partiti principali. L'unione di Lega Nord (16%), Forza Italia (12%) e Fratelli d'Italia (4%), arriva al 32%. Visti i meccanismi dell'Italicum non è fantascienza immaginare che queste tre forze si uniscano con ambizioni di governo. Ancora difficile, invece, immaginare la collocazione di Sel (4,6%) e Ncd-Udc (3,7%).

Ma se si andasse a votare, cosa succederebbe? Al netto di quanto appena immaginato per quanto riguarda il centrodestra, se i partiti si presentassero singolarmente non ci sono dubbi che si andrebbe al secondo turno. E che il secondo turno vedrebbe contrapposti il Pd e il Movimento 5 Stelle. Da questo punto in poi, difficile fare previsioni: molti immaginano che "spauracchio M5S" porterebbe gli elettori del centrodestra a confluire sul Pd, ma è anche vero che più di una volta i "grillini" hanno dimostrato di saper conquistare voti inaspettati (vedi alcuni ballottaggi nei comuni). E forse è anche per questo che le voci di possibili modifiche all'Italicum si fanno sempre più consistenti.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO