Ballarò | Puntata 1° dicembre 2015

Ballarò | La puntata del 1° dicembre 2015.

  • 00:00

    Toscani: "Quando moriranno i nonni, gli italiani cosa faranno? Un paese che si basa sui nonni è un disastro". Lezzi: "E' per questo che noi proponiamo un reddito di cittadinanza, un welfare moderno". Ascani: "I ragazzi vogliono un lavoro e non un reddito". Sondaggi: il 41,2% del campione spenderà le tredicesime in tasse; il PD si trova al 31,6%, il M5S al 27%, la Lega al 15%. La puntata di stasera termina qui.

  • 23:56

    In studio c'è Rosario Trefiletti. De Romanis: "Il nostro Pil è basso. Con una crescita bassa, l'occupazione è bassa. Le persone che escono dal mercato del lavoro avranno problemi con la pensione. Tornando a Poletti, il suo messaggio non è meritocratico". Va in onda un servizio dedicato alle bollette. Ascani: "Quest'anno, dalle tredicesime, resteranno due miliardi di euro in più nelle tasche degli italiani". Trefiletti: "Le tredicesime saranno spese in bollette e tasse. Resteranno solo 5 miliardi per gli svaghi. Sarà un Natale sobrio anche a causa degli attentati".

  • 23:42

    De Romanis: "Il reddito fisso ai giovani come in Finlandia? Il problema è sempre la copertura. L'Italia sta crescendo grazie ad una congiuntura favorevole ma è una congiuntura che sta venendo meno". Riascoltiamo le dichiarazioni di Poletti sulla laurea. Ascani: "Le parole di Poletti sono un po' stonate ma il fatto che c'è un problema di mentalità è vero". Lezzi: "Le università potrebbero aiutare l'ingresso nel mondo del lavoro". Toscani: "I ragazzi finlandesi sono più "orfani" dei ragazzi italiani. Questa è la nostra rovina". Va in onda un servizio sui nonni pensionati che aiutano i nipoti.

  • 23:34

    Ascani: "Questo governo ha finalmente rimesso i soldi nell'edilizia scolastica anche se è vero che non è mai abbastanza". Lezzi: "Per l'edilizia scolastica, Renzi ha dato la solita mancia". Va in onda un filmato dedicato alle politiche giovanili in Finlandia.

  • 23:24

    De Romanis: "Il punto di questo bonus: quale sarà l'impatto sul Pil? E' molto difficile prevederlo. Era meglio investire sulla disoccupazione giovanile". Ascani: "Investire sui 18enni è un bel motivo per fare un debito. Il bonus è uno strumento di cittadinanza e un'innovazione. Non sottovalutiamo i giovani". Toscani: "Sembra la mancia dello zio Renzi così siete contenti... Da ragazzo, mi ricordo gli zii generosi... Mancano le infrastrutture però sono contento che finalmente si parla di cultura. Investire in cultura è il massimo della sicurezza".

  • 23:14

    In studio ci sono Anna Ascani, Barbara Lezzi, Veronica De Romanis e Oliviero Toscani. Va in onda un servizio dedicato alla carta bonus di 500 euro destinata ai giovani per consumi culturali. Lezzi: "E' un bonus che infrange una promessa di Renzi riguardante l'Ires. Non è una misura aggiuntiva ma sostitutiva. E' un bonus-propaganda arrivato dopo gli attentati di Parigi. C'è una platea troppo estesa di ragazzi che non riescono ad andare nemmeno a scuola". Ascani: "Una legge di stabilità ha tante misure: c'è anche il diritto allo studio. Questa dei 500 euro è una misura universale, uguale per tutti".

  • 23:00

    Chaouqui: "Ho avuto un contatto con Paolo Berlusconi dopo che il vaticanista de Il Giornale pubblicò una serie di tweet completamente falsi. Sono stata vittima di una falsificazione di tweet. Non gli ho chiesto di rimuovere il vaticanista da Il Giornale e non gli ho mai parlato di rogatorie. Mai stata a Palazzo Grazioli. Io e la commissione rappresentiamo un corpo estraneo che non è mai stato accettato dal Vaticano. Noi siamo stati una scelta gestita dal Papa. Le riforme del Papa non saranno mai al sicuro finché ci saranno interessi così forti. Non è un complotto contro di me. E' una serie di eventi in cui io sono al centro. Ho compiuto degli errori: il più importante è stata accettare questa nomina alla commissione. Un altro errore è stato quello di non essere stata in grado di evitare che Balda si comportasse in questo modo. Papa Francesco? Preferirei morire piuttosto che tradirlo. Questa è l'ultima occasione per il Vaticano di mettere a posto le cose". Intervista finita.

  • 22:47

    Chaouqui: "La commissione ha fatto un lavoro importante. Pensare che il Vaticano sia un contenitore di scandali è sbagliato. Non ho dato io il materiale a Nuzzi e Fittipaldi. E' stato il Monsignor Balda. Nella fuga dei documenti, io non ho avuto nessun ruolo, ho solo contattato in buona fede i giornalisti". Va in onda una clip con le recenti dichiarazioni del Papa. Chaouqui: "Non appartengo ai servizi segreti, come ha detto Balda. Balda ha redatto un memoriale, sostenendo uno stato di sudditanza da me che non è vero. Non c'è Luigi Bisignani dietro di me. Dietro di me, non c'è nessuno. Tutti gli incarichi che ho avuto, li ho avuti tramite i cacciatori di teste. Non ho sedotto Balda. E' una cosa completamente inventata e molto dolorosa".

  • 22:40

    Massimo Giannini intervista Francesca Immacolata Chaouqui. Va in onda un filmato su di lei. Chaouqui: "Non sono il corvo di Vatileaks. Non ho fornito le informazioni per i libri Avarizia e Via Crucis. Sono una persona normale che si è sempre occupata di comunicazione. Wells mi chiese di far parte di una commissione per avviare il processo di riforme voluto da Papa Francesco. Non so chi ha segnalato il mio nome al Papa. La commissione durò 9 mesi circa: non posso dire cosa abbiamo scoperto. Nei libri, è stato pubblicato il 20% dei lavori della commissione. Era una commissione di studio, non di inchiesta".

  • 22:27

    Santanchè: "Napolitano, che era il capo dei comunisti, ha voluto la guerra in Libia". Gozi: "Le guerre le fanno i governi e la guerra in Libia l'ha fatta il governo Berlusconi. Le soluzioni militari senza strategie non portano a niente". Santanchè: "Dillo a Napolitano". Rampini: "Il nemico principale è uno, è unico ed è lo Stato Islamico. Le cellule dell'Isis che controllano pezzi di Siria e di Iraq potrebbero anche incattivirsi". Sondaggio della Ghisleri: il 68,2% del campione ha un rapporto normale con gli stranieri. Santanchè: "Dire che l'Italia è un paese sicuro è un errore madornale". Gozi: "Stiamo lavorando sulla prevenzione. Nessun paese è a rischio zero".

  • 22:18

    Santanchè: "Ho difficoltà a dire che siamo tutti uguali. Io non voglio essere uguale a chi lapida le donne, a chi uccide le ragazze che vogliono integrarsi. Non bisogna rinunciare a ciò che noi siamo. Davanti alla superficialità, serve un orgoglio di appartenenza. La patria è di chi la ama". Un cartello ci mostra che gli immigrati sono il 7% della popolazione e che i musulmani sono il 4% della popolazione. Gozi: "I nazisti che abbiamo visto prima sono i migliori alleati dei terroristi. La comunità significa adesione ai valori di quella comunità e la donna è pari all'uomo. Dobbiamo combattere l'Isis non solo in Italia ma anche nei paesi dove l'Isis c'è".

  • 22:10

    Don Corazzina: "Il Vangelo ci dice di accogliere. Difendere i valori cristiani significa dire no a logiche di economia violenta. Difendere i valori cattolici significa stare tutti insieme". Toscani: "Tantissimi italiani sono stati accolti nel mondo. L'immigrazione è una cosa che non possiamo evitare: il mondo si sta civilizzando e questa cosa fa paura. C'è paura del diverso. I terroristi sono assassini e basta. La religione non c'entra nulla".

  • 22:00

    Thuram: "Ogni essere umano ha diritto di vivere bene. La domanda è la seguente: cosa possiamo fare per vivere tutti bene? Se si creano i gruppi, si crea l'odio. Io credo che le persone vogliono vivere tutte insieme". Va in onda un filmato dedicato ai gruppi di estrema destra in Italia.

  • 21:51

    I primi sondaggi di Alessandra Ghisleri: l'87,4% del campione vuole difendere i simboli natalizi, il 55,1% è favorevole all'insegnamento di tutte le religioni. Va in onda un servizio dedicato alla mobilitazione dei campioni dello sport contro il terrorismo. Massimo Giannini intervista l'ex calciatore Lilian Thuram, in collegamento. Thuram: "La Francia è multietnica da sempre. Non dobbiamo cadere nell'odio. C'è un pericolo di ritorno del razzismo che i politici devono evitare. La religione è sempre stata usata per manipolare le persone".

  • 21:43

    In studio, c'è anche Don Fabio Corazzina: "Cosa avranno pensato i bambini mentre guardavano i loro genitori comportarsi in quel modo?". Gozi: "Negare il presepe significa negare 2000 anni della nostra storia. Ma gli adulti devono dare dei modelli e i politici ancora di più. Non bisogna spargere i semi dell'odio. Il diritto alla sicurezza si garantisce con la sicurezza dei diritti. L'attacco a Parigi è stato ancora più simbolico dell'attentato a Charlie Hebdo". Rampini: "Il modello francese non ha evitato il 13 novembre. La vicenda di Rozzano tradisce un senso di insicurezza degli italiani. Non capiscono qual è il nemico e bisogna evitare le semplificazioni".

  • 21:35

    Toscani: "La paura è il risultato di una grande ignoranza. A Rozzano, sono successe cose quasi comiche. L'ignoranza crea paura. Con genitori così, che bambini cresceranno? Saremo incivili per altre generazioni". Santanchè: "Nella vita, non bisogna offendere ma bisogna convintamente difendere. L'Italia è uno stato laico ma uno stato laico non toglie i simboli religiosi. Non dobbiamo retrocedere su quello in cui crediamo. Dobbiamo combattere tutti contro il fondamentalismo islamico".

  • 21:26

    Si torna in studio. Gli ospiti sono Sandro Gozi, Oliviero Toscani, Daniela Santanchè e Federico Rampini. Rampini: "Il vertice sul clima si concluderà a metà dicembre. La giornata di oggi è stato dominata dal tema del terrorismo islamico". Gozi: "L'Italia è pienamente partecipa e protagonista nello sforzo di dare coordinamento ad una coalizione di 60 paesi. Stiamo lavorando ad una soluzione politica ossia la ricerca della strategia di cui parlava Renzi. La comunità internazionale deve imparare dagli errori che ha compiuto in passato". Santanchè: "Tutto ciò dimostra che non c'è l'Europa. Renzi balbetta davanti alla parola guerra". Gozi: "L'Italia è l'unico paese che non ha cambiato linea su Siria e Libia". Va in onda un filmato dedicato al caso della scuola di Rozzano.

  • 21:19

    Inizio trasmissione. Nell'anteprima del programma, va in onda la copertina di Alessandro Poggi. L'editoriale di Massimo Giannini: "Il tema sarà la ricerca della strategia contro il terrorismo, contro l'Isis, contro la nostra paura". Il discorso passa subito all'attentato di Istanbul con il collegamento con il corrispondente Rai: nessun morto, 5 feriti.

ballaro-1-12-15.jpg

Ballarò è un programma d'approfondimento giornalistico, in onda su Rai 3 ogni martedì sera a partire dalle ore 21:05, condotto dal giornalista Massimo Giannini.

Ballarò | Puntata 1° dicembre 2015 | Anticipazioni e ospiti

Nella puntata di Ballarò che andrà in onda questa sera, Massimo Giannini intervisterà Francesca Immacolata Chaouqui, ex membro della Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative della Santa Sede, imputata nel processo per la fuga di documenti riservati del Vaticano.

Tra gli ospiti della puntata, ci saranno anche Sandro Gozi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega agli affari europei, Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, Anna Ascani del Partito Democratico, Barbara Lezzi, senatrice del Movimento 5 Stelle, l’economista Veronica De Romanis, l’editorialista de La Repubblica Federico Rampini e il fotografo Oliviero Toscani.

Massimo Giannini intervisterà anche l'ex calciatore francese Lilian Thuram, uomo simbolo dell’integrazione e della lotta al razzismo, da sempre in prima linea per i diritti delle minoranze.

Ballarò | Dove vederlo

Ballarò va in onda questa sera su Rai 3 a partire dalle ore 21:05.

In streaming, il programma è visibile sul sito Rai.tv.

La puntata intera sarà disponibile il giorno dopo sempre sul sito Rai.tv, nella sezione Rai Replay.

Ballarò | Second Screen

Il programma condotto da Massimo Giannini ha un sito ufficiale.

Ballarò è presente anche su Facebook con una pagina ufficiale.

La trasmissione ha anche un account ufficiale su Twitter.

Durante la messa in onda del programma, sarà possibile commentare la puntata su Twitter con l'hashtag #ballaro.

Per il liveblogging, invece, il consueto appuntamento è su Polisblog, magazine di Blogo, a partire dalle ore 21:05.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO