Renzi: “A Roma non sceglierei un co.co.pro della Casaleggio Associati”

Il Premier è stato ospite di Repubblica Tv.

Matteo Renzi

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi è stato ospite oggi pomeriggio di Repubblica Tv e ha parlato un po’ di tutti gli argomenti più caldi. Hanno particolarmente colpito le parole dette a proposito delle elezioni comunali a Roma in riferimento alla candidata del MoVimento 5 Stelle, che è Virginia Raggi. Il Premier infatti ha affermato:

“Con Giachetti c'è una squadra molto competente, è l'esatto opposto di chi apre la casella, trova la mail e firma un co.co.pro della Casaleggio Associati. Fossi un cittadino non sceglierei un candidato co.co.pro di un'azienda privata milanese”

Renzi si riferisce al ricorso presentato da un avvocato romano al Tribunale civile affinché Virginia Raggi venga esclusa dalla competizione elettorale e sarebbe da ritenere ineleggibile a causa del contratto con penale da 150mila euro firmato con la Casaleggio Associati, contratto che limiterebbe l’autonomia decisionale della candidata.

Alle dichiarazioni di Renzi hanno risposto prontamente i diretti interessati. Virginia Raggi ha detto, a proposito del legale che ha presentato il ricorso:

“È un avvocato che per sua stessa ammissione ha detto di essere del Pd. Stanno raschiando il fondo del barile. Tra poco mi faranno il malocchio o una macumba”

Il vicepresidente della Camera e membro del direttorio del M5S Luigi Di Maio ha risposto direttamente a Renzi dicendo:

“Quello di Virginia Raggi è un codice etico, non è un contratto a progetto con il direttorio per Roma. Renzi faccia poco lo spiritoso, perché i contratti li firmano quelli del Pd: lui ha firmato un contratto, e a tempo indeterminato, con le lobby di questo Paese. Quello che si è legato mani e piedi con i poteri forti del Paese è lui”

Renzi ha attaccato il M5S anche per la legge sulle unioni civili e ha detto:

“Sono grato a Verdini e ad Ala per aver votato la fiducia alle unioni civili perché se aspettavo i Cinque Stelle la legge non c'era. La politica è anche concretezza altrimenti perdi la faccia”

Sul referendum costituzionale, altro tema molto caldo, Matteo Renzi ha detto:

“I parlamentari dei Cinque Stelle e della Lega li capisco. Sanno che se passa il referendum uno su tre resta a casa. Sono terrorizzati di perdere la poltrona e vivere l'esperienza mistica di tornare a lavorare”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO