Contro il terrorismo emozionale del giornalismo italiano

strage-nizza.jpg

La strage di Nizza è solo l’ultimo avvenimento che mette alla prova la capacità del giornalismo di fare bene il proprio mestiere.

Una prova che il giornalismo italiano – a parte poche eccezioni – fallisce.

C’è bisogno di fare pulizia, e per farla bisogna seguire delle regole. Non si tratta nemmeno di conoscere, capire e adottare il Verification Handbook (non è un caso che l'appello che abbiamo lanciato da queste pagine non sia stato minimamente raccolto dall'ecosistema giornalistico nostrano). Non si tratta di sapere come trattare i contenuti generati dagli utenti.

No.

Qui si tratta di recuperare un metodo che deve andare, per forza di cose, oltre al modello volumetrico (acchiappo tanti click) e che deve seguire linee guida precise.

Non si diffondono notizie non verificate.
Non si diffondono dati non verificati.
Non si diffondono nomi non verificati.
Non si pubblicano foto o video "shock".
Non si fanno titoli emozionali.
Non si usano aggettivi nei titoli.
Non si evidenziano le parole chiave nei titoli a grappolo.
Non si fanno gallery shock.
Non si titola dando per assodate dichiarazioni non provenienti da fonti ufficiali.
Non si titola con dichiarazioni di testimoni oculari.
Non si scelgono immagini iconiche.
Non si correlano fatti senza prove.
Non si fanno analisi due ore dopo un evento.
Non si usano parole a caso.
Non ci si emoziona (o se lo si fa, si tiene l'emozione fuori dalle parole che scriviamo e dalle condivisioni che facciamo).

In altre parole, non si fa infotainment. Si fa giornalismo.

Chi non l’ha ancora capito, chi non problematizza, purtroppo, fa parte del problema. E i problemi si affrontano e si risolvono. Possibilmente insieme. Ce n'è davvero tanto bisogno. E non è questione di essere "maestrini" – come pensa qualche collega, sorprendentemente. È questione di cercare di recuperare il vero valore di questo lavoro. Il valore che lo salverà dalla crisi.

Per convincersi di come si dovrebbe fare, basta confrontare le homepage dei giornali italiani durante la notte con le homepage dei giornali francesi.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO