M5S: Giulia Di Vita si autosospende dal gruppo parlamentare

Dopo Riccardo Nuti, anche Giulia Di Vita si autosospende dal gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle.

La nuova autosospensione è un'altra conseguenza del caso firme false a Palermo. Di Vita, insieme a Nuti e Claudia Mannino, era già stata sospesa dal Movimento, ma non dal gruppo parlamentare, in seguito all'inchiesta che li vede coinvolti.

La deputata siciliana scrive su Facebook: "Faccio mie le parole di Riccardo Nuti di cui apprezzo infinitamente il gesto che condivido in toto, ho deciso anche io, infatti, di autosospendermi dal gruppo parlamentare per tutta la durata della mia sospensione dal M5S".

Di Vita scrive che la situazione potrebbe essere strumentalizzata dal sistema politico-mediatico e che una sua permanenza nel gruppo metterebbe i colleghi del 5 Stelle in una "difficile posizione".

"Mi affido alla magistratura per provare definitivamente la mia estraneità ai fatti di cui vengo accusata, nel frattempo resta immutato, se non rafforzato, il mio costante impegno politico ispirato ai principi del MoVimento 5 Stelle in cui non ho mai smesso di credere da 10 anni a questa parte, rispettandone sempre le regole", scrive la parlamentare rispondendo anche alle accuse di Beppe Grillo.

La deputata palermitana aggiunge che continuerà "naturalmente a restituire parte dello stipendio destinandolo al fondo dedicato al microcredito" e sottolinea che ha "già versato oltre 215.000 euro da inizio legislatura ad oggi".

Foto: Facebook - Giulia Di Vita

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO