Venezuela, bombe contro il tribunale. Maduro: "Attacco terroristico"

Il presidente Maduro parla di atto terroristico e di ingerenze della CIA

untitled-design.png

Tensione sempre molto alta in Venezuela. Da un elicottero della polizia scientifica sono state lanciate delle granate contro il la sede del Tribunale supremo di giustizia nel centro di Caracas. Nello stesso momento diversi colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi contro la sede del Ministero dell’Interno.

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha parlato apertamente di attacco terroristico, “È il tipo di attacco che sto denunciando da tempo. Poteva causare centinaia di morti e feriti”. L’autore dell’attacco al Tribunale supremo di giustizia si è autodenunciato con un video su Instagram. Si tratta di Oscar Perez, un agente della polizia scientifica, che ha invitato la popolazione venezuelana ad unirsi contro all’esercito e alla polizia contro il governo.

Perez, che ha chiesto le dimissioni di Maduro, fa parte di un’alleanza di funzionari militari, poliziotti e civili che non appartiene a nessuna tendenza politica o di partito, “Siamo nazionalisti, patrioti e istituzionalisti”. Diversa è l’opinione del presidente Maduro che li collega all’ex governo di Chavez.

Perez è stato anche accusato di avere rapporti stretti con la CIA ed è attualmente ricercato dalle forze speciali del governo. Intanto la capitale Caracas è stata messa in sicurezza con una serie di posti di blocco e con un grande dispiego di forze militari.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO