Il cardinale George Pell è stato incriminato per reati sessuali

E' il più alto membro della chiesa cattolica ad essere stato accusato di pedofilia, nel 2014 Papa Francesco gli ha affidato le finanze del Vaticano

untitled-design.png

Il prefetto degli affari economici del Vaticano e arcivescovo di Sidney, il cardinale George Pell, è stato incriminato per gravi reati sessuali. La notizia si è diffusa nella notte ed è stata confermata dalla polizia australiana. I reati contestati sono tre, tra cui un’accusa di stupro. E’ il più alto membro della chiesa cattolica a subire un’accusa di pedofilia.

Le accuse sono state formulate dopo un’indagine durata cinque anni che riguarda reati commessi negli anni settanta nella città di Ballarat, dove Pell è nato e dove era sacerdote, nello stato di Victoria. Il cardinale è chiamato a comparire in tribunale il prossimo 18 luglio. Pell ha sempre respinto qualsiasi accusa di pedofilia ma ha sempre ammesso di non aver saputo controllare i preti pedofili dello stato di Victoria quando è stato in suo potere.

Papa Francesco lo ha scelto nel 2014 per rimettere ordine nelle finanze del Vaticano. Subito dopo la notizia del mandato a comparire davanti ad un tribunale australiano, il paese dell’emisfero sud non ha un trattato di estradizione con il Vaticano ma solo con l’Italia, il cardinale ha diffuso un comunicato stampa, “Non ho mai commesso sevizie sessuali su minori, mi recherò in Australia per difendere strenuamente la mia innocenza”.

Per muoversi dal Vaticano, però, George Pell ha bisogno del nullaosta del medico, che ha prontamente richiesto, perché le sue condizioni di salute non sono buone. Durante l’indagine, infatti, i detective australiani sono venuti a Roma per interrogarlo. Il cardinale non si è mai sottratto alle domande degli investigatori ed ha sempre risposto. Alle domande dei giornalisti australiani, fatte durante l’indagine, ha sempre risposto affermando la sua innocenza e dichiarando la piena disponibilità a collaborare.

Si attende una reazione ufficiale della chiesa e di Papa Francesco.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO