Corea del Nord: piani per attaccare Guam pronti per ferragosto

La risposta del regime di Pyongyang alle parole di Trump non si è fatta attendere

untitled-design.png

La Corea del Nord e il suo leader Kim Yong Un hanno fatto alzare ulteriormente la tensione pianificando un attacco missilistico all’isola di Guam. Un piano che dovrebbe essere completato entro ferragosto. Sull’isola di Guam c’è una base americana e più in generale, considerando anche le Marianne, ci sono dislocati 200.000 cittadini americani. Un lembo d’America praticamente.

L’arma utilizzata da Pyongyang sarebbero i missili a media gittata Hwasong 12 che seguirebbero una traiettoria stabilita sopra le coste giapponesi per poi colpire l’isola di Guam o magari inabissarsi provocatoriamente a pochi chilometri dalla costa. Il governo di Pechino ha lanciato un monito alla Corea del Nord e agli USA ricordando che non si può sempre giocare col fuoco senza correre rischi.

Donald Trump è di fronte a una situazione decisamente pericolosa. La Corea del Nord anche senza utilizzare i missili è in grado di colpire pesantemente Seul e la Corea del Sud storico alleato USA. Un attacco nucleare da parte degli Stati Uniti per rispondere a una semplice minaccia sarebbe fuori luogo e cancellerebbe letteralmente un popolo dalla faccia della Terra. Una situazione non facile.

Per fortuna il governatore di Guam, Eddie Calvo, mantiene un invidiabile sangue freddo ricordando a tutti che “il livello di pericolo non è mutato”. In patria i toni eccessivi di Trump, “Una tempesta di fuoco e furia come il mondo non ha mai visto”, hanno attirato grosse critiche da parte del senatore John McCain e di tanti altri esponenti sia del Partito Democratico sia del Partito Repubblicano. La tensione resta altissima.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO