USA, i pedofili saranno identificati sui passaporti

Photo credit should read PAUL J. RICHARDS/AFP/Getty Images

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d'America ha comunicato che tutte le persone condannate per reati sessuali in relazione a minori saranno identificati come tali anche sui loro passaporti, non più soltanto nel registro pubblico attivo ormai da anni nel Paese.

Si tratterà a tutti gli effetti di un testo, stampato nel retro del passaporto, che non lascerà spazio a interpretazioni: "Il soggetto è stato condannato per un reato sessuale contro un minore ed è schedato come tale secondo la legge degli Stati Uniti d'America".

A partire da iri, mercoledì 1 novembre 2017, il Dipartimento di Stato ha iniziato a revocare i passaporti di tutte le persone condannate per reati sessuali contro i minori e chi vorrà viaggiare al di fuori del Paese dovrà presentare richiesta per un nuovo passaporto che, come stabilito, presenterà la dicitura sopra indicata.

La decisione è stata presa in seguito all'entrata in vigore della cosiddetta International Megan's Law, una legge approvata dal Congresso degli USA e firmata dal Presidente Barack Obama nel febbraio 2016 con l'obiettivo di fermare il turismo sessuale in Paesi al di fuori degli Stati Uniti.

La legge, scritta in memoria di Megan Kanka, stuprata e uccisa nel 1994 all'età di 7 anni dal vicino di casa Jesse Timmendequas, prevedeva proprio l'applicazione di un chiaro avvertimento sul passaporto di chi è stato condannato per reati sessuali ai danni di minori e l'obbligo per i governi esteri di notificare gli USA quando un cittadino statunitense condannato per quei reati entra in un Paese straniero.

Il Dipartimento di Stato, nel rispondere alla critiche di chi sostiene che una mossa del genere potrebbe impedire alle persone interessate di effettuare viaggi all'estero, ha precisato che la dicitura sul passaporto non impedisce di spostarsi all'esterno degli USA, ma rappresenta un avviso per i Paesi che permettono l'ingresso alle persone condannate per reati sessuali contro i minori.

Via | USA

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 66 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO