Corea del Nord, disertore fugge verso il Sud, violato l'armistizio

Il disertore è stato inseguito fin dentro la zona demilitarizzata ma è riuscito a sfuggire ai soldati di Pyongyang

untitled-design-1.png

Lo scorso tredici novembre un militare della Corea del Nord ha disertato ed è fuggito prima a bordo di una jeep e poi a piedi verso la Corea del Sud. L’uomo è stato inseguito da altri militari nordcoreani che hanno aperto il fuoco sperando una cinquantina di colpi verso il fuggiasco. Cinque di questi colpi hanno ferito il militare in fuga che però è riuscito a raggiungere l’appostamento sudcoreano al termine della zona demilitarizzata che divide le due coree. Della sua fuga esiste un filmato che è stato divulgato dal Comando USA.

L’uomo era ed è in gravi condizioni ma non rischia la vita. Paradossalmente più che le ferite riportate durante la fuga a metterlo a rischio sono degli enormi parassiti, di quasi trenta centimetri, che gli sono stati ritrovati all’interno dello stomaco. Potrebbero essere un segno delle ormai pessime condizioni in cui vive il popolo nordcoreano.

La fuga del militare nordcoreano apre anche un altro scenario. Per inseguirlo i soldati di Kim Jong Un hanno violato il ferreo trattato militare del 1953 perché sono entrati nella zona demilitarizzata, uno addirittura in territorio sudcoreano per qualche metro, ed hanno fatto fuoco. Il filmato è stato sottoposto alla visione dei militari sudcoreani, di quelli americani e di osservatori neutrali provenienti da Nuova Zelanda, Australia, Svezia e Svizzera.

Il generale Vincent K. Brooks ha dichiarato che l’armistizio è stato messo a dura prova ma che rimane in vigore. Molti osservatori internazionali temono che questa violazione possa essere usata dagli USA e dalla Corea Del Sud come casus belli per entrare in guerra contro Pyongyang.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO