Banca Etruria, Maria Elena Boschi: "Non mi dimetto"

Maria Elena Boschi ha dovuto rispondere a diverse accuse e richieste di dimissioni riguardanti Consob e Banca Etruria

untitled-design.png

Maria Elena Boschi ha vissuto una giornata piuttosto travagliata e ha dovuto respingere al mittente tutte le accuse e le richieste di dimissioni che le sono tornate addosso dopo le dichiarazioni di Giuseppe Vegas, presidente di Consob. Ha iniziato il deputato del Movimento Cinque Stelle, Carlo Sibilia, che ne ha chiesto le dimissioni con un tweet: “Maria Elena Boschi si è occupata di Banca Etruria. Più di una volta. Così come appena confermato da Giuseppe Vegas Presidente Consob. Contrariamente a quanto detto al Parlamento il 18 dicembre 2015. Ha mentito al Parlamento condizionando il voto sulla sua sfiducia”.

Alla richiesta del deputato grillino ha risposto prima Vegas negando pressioni e poi la Boschi stessa: “Non mi dimetto. Non c’è stato nessun favoritismo nei confronti di mio padre o della mia famiglia. Sono due anni che le opposizioni ripetono la stessa cosa. Ribadisco quello che ho detto due anni fa in Parlamento”.

In serata è arrivato anche un duro scontro con Marco Travaglio davanti ai microfoni della trasmissione “Otto e Mezzo” in onda su La7. La Boschi ribatte alle accuse del giornalista minacciando azioni legali: “Risponderà di queste bugie, un’azione di risarcimento danni le arriverà a breve. Se fossi stata uomo non mi avrebbe riservato quel trattamento”.

Uguale trattamento ha riservato anche a Luigi Di Maio che l’aveva paragonata a Mario Chiesa. Ovviamente a sostegno della sottosegretaria si sono levate diverse voci all’interno del PD tra cui Ettore Rosato e Mario Orfini.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 320 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO