Siria: bombardato aeroporto militare, accuse agli USA che negano tutto

Siria bombe america

Siria: bombardato un aeroporto militare sito tra le città di Homs e Palmira, il bilancio sarebbe di 14 morti. È quanto riferisce l’agenzia di stampa statale Sana, che accusa dell’attacco gli USA, senza mezze misure. Immediata la replica da parte di Washington, che ha respinto al mittente ogni addebito. Secondo quanto riporta l'Osservatorio siriano per i diritti umani tra le vittime ci sarebbero anche combattenti iraniani. Sospetto il fatto che il bombardamento all’aeroporto sia giunto a poche ore dal sospetto attacco con armi chimiche da parte dell’esercito siriano nella periferia orientale di Damasco e che ha causato un centinaio di vittime.

Subito dopo l’attacco durante il quale sarebbe stato usato il gas nervino, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump aveva promesso a Damasco che avrebbe pagato "un grande prezzo". Il capo della Casa Bianca, inoltre, ha puntato il dito su Putin e l’Iran, “responsabili per il sostegno all'animale Assad”, a suo dire. Poche ore prima del bombardamento all’aeroporto militare, tra l’altro, Thomas Bossert, consigliere di Trump per la sicurezza nazionale e l'antiterrorismo, aveva dichiarato alla Abc di “non escludere alcuna opzione” in merito a quanto stesse accadendo in Siria.

Negando comunque ogni diretto addebito, la Casa Bianca riferisce proprio in queste ore di una telefonata tra Trump e il presidente francese Emmanuel Macron con il quale sarebbe stato concordato che “il regime di Assad debba essere chiamato a rispondere per i suoi continui abusi dei diritti umani”. Nonostante ciò, anche la Francia ha negato un proprio coinvolgimento nella pioggia di bombe che ha investito lo scalo militare siriano tra Homs e Palmira.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO