Di Maio a Salvini: "Resta con Berlusconi? Qualche giorno e il forno si chiude"

di maio otto e mezzo salvini

Luigi Di Maio replica senza mezzi termini all’ennesima uscita di Matteo Salvini. Ospite di “Otto e mezzo” su La7, il leader del Movimento 5 Stelle chiude ancora una volta all’ipotesi di un governo con Lega e Forza Italia. I ‘grillini’ sono disponibili a trattare con il ‘Carroccio’, ma non vogliono sentir parlare di Silvio Berlusconi: “Salvini si assume una responsabilità storica nel legarsi a Berlusconi: ci sta dicendo che per aspettare i comodi di Matteo Salvini avremo il governo il 15 maggio? Aspetto qualche altro giorno, poi uno di questi due forni si chiude”, ha dichiarato Di Maio.

La posizione dei ‘pentastellati’, di chiusura nei confronti di Forza Italia, è stata chiara fin dal principio, ma evidentemente Salvini ha confidato oltremodo sulle proprie capacità di mediazione. Il leader della Lega, secondo Di Maio, “continua a propinare il centrodestra unito, fa male al paese perché impedisce la partenza di governo di cambiamento, dall’altra parte porterebbero tutte le loro diversità in un governo. La smettano di ostentare una unione che non c’è. Io non ho mai voluto dividere il centrodestra - insiste - , perché non lo considero una cosa sola: nessuno ha votato centrodestra”.

Le dichiarazioni del leader penta stellato giunge a poche ore dal comizio tenuto da Salvini a Montenero di Bisaccia, durante il suo tour elettorale in Molise:

“Sia chiaro a tutti, anche alle orecchie di chi non vuole intendere, che se vinciamo in Friuli e in Molise nel giro di 15 giorni si fa il governo. Il voto in Molise è importante per i molisani, ma è chiaro che se il Molise domenica, il Friuli domenica prossima dovesse premiare la forza, il coraggio e le battaglie della Lega, io sono convinto che, anche grazie al voto dei molisani e dei friulani, nell’arco di quindici giorni, chi deve capire capisce, il governo comincia a fare - conclude - , comincia a lavorare senza perdere altro tempo”.

Quali saranno le prossime mosse? Se davvero chiuderà definitivamente alla Lega, a Di Maio non resterà che tentare un ultimo approccio con il PD, che a sua volta non sembra ben disposto nei confronti dei 'grillini', mentre al centrodestra "unito" non resterebbe che un tentativo analogo con il centrosinistra. Mattarella, intanto, sembra avere fretta di chiudere la partita.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 242 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO