Martina: impossibile guidare il Pd dopo le parole di Renzi

impossibile guidare il pd

Impossibile guidare il Pd dopo quel che ha detto Matteo Renzi ieri sera da Fabio Fazio. Lo sfogo è di Maurizio Martina, segretario reggente dei dem subentrato al dimissionario Renzi in attesa che un nuovo leader venga eletto.

Martina sbotta, come già aveva fatto in mattinata Gianni Cuperlo, esponente della minoranza, dopo la chiusura da parte di Renzi a qualsiasi ipotesi di governo Pd-Cinquestelle. Chiusura arrivata appunto in tv, dal salottino di Che tempo che fa, prima di avviare la discussione nelle sedi opportune, cioè la direzione dem.

Secondo Martina quel che:

"è accaduto in queste ore grave, nel metodo e nel merito"

Nella direzione Pd del 3 maggio dunque:

"servirà una discussione franca e senza equivoci perché è impossibile guidare un partito in queste condizioni e per quanto mi riguarda la collegialità è sempre un valore, non un problema".

Martina paventa il rischio estinzione per il Pd:

"In queste ore stiamo vivendo una situazione politica generale di estrema delicatezza. Per il rispetto che ho della comunità del Partito democratico porterò il mio punto di vista alla Direzione Nazionale di giovedì che, evidentemente, ha già un altro ordine del giorno rispetto alle ragioni della sua convocazione. Così un Partito rischia solo l’estinzione e un distacco sempre più marcato con i cittadini e la società; si smarrisce l’impegno per il cambiamento e non si aiuta il Paese. Per questo continuo a pensare che il Pd abbia innanzitutto bisogno di una vera ripartenza su basi nuove".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO