Beppe Grillo attacca PD e Forza Italia: "Sono parassiti"

Attraverso le pagine del suo blog, Beppe Grillo ha attaccato Partito Democratico e Forza Italia

Beppe Grillo

Il blog di Beppe Grillo è stato per anni il "megafono" del Movimento 5 Stelle. Dalla fine dello scorso gennaio, invece, sono spariti i post politici lasciando spazio ad altri argomenti. Il commento politico è stato affidato al "blog delle Stelle", gestito in prima persona dagli esponenti più rappresentativi del Movimento dal lui fondato. Questa novità era stata letta da molti come la conferma di un allontanamento di Grillo dal soggetto politico da lui stesso fondato, circostanza più volte smentita da diversi esponenti pentastellati oltreché dallo stesso Grillo.

Oggi, all'indomani dell'intervista di Matteo Renzi a 'Che tempo che fa', Grillo ha deciso di tornare a parlare di politica. L'ex segretario del Partito Democratico ha bocciato l'idea di un accordo di governo con i 5 Stelle, provocando la reazione di Di Maio che stava attendendo la Direzione del 3 maggio per potersi sedere al tavolo delle trattative. Renzi, invece, ha escluso l'ipotesi alla radice, delegittimando così totalmente il Segretario Martina.

Grillo è quindi sceso nuovamente in campo, attaccando aspramente sia il PD che Forza Italia, difendendo al tempo stesso i tentativi di dialogo di Di Maio: "L’entusiasmo di Luigi è propagandato come fosse bramosia di potere e la sinistra frou frou gioca la carta di un’improbabile supremazia intellettuale, ridicola, e figlia di accordi con quello che hanno sempre chiamato “caimano”. Lo stesso soggetto con cui hanno trovato il sistema di sopravvivere sino ad oggi. E’ la perfezione del parassita: cerca nutrimento dalle stesse forze che lo hanno sconfitto".

Per Grillo gli esponenti di PD e Forza Italia altro non sono che parassiti: "C’è chi potrebbe immaginare che i nostri parassiti di lusso stiano cercando di essere resuscitati proprio dalla nostra energia. Ma non potrà mai essere così: perché si tratta di gente che vive di pura ambizione, qualcosa che spinge a fare la scalata senza sapere perché, a voler diventare un pezzo grosso senza un’idea di quello che si vorrà fare davvero una volta raggiunto l’obiettivo. Ma non avendo null’altro che l’ambizione dipingono gli altri per come sentono se stessi: per questa ragione vengono accecati da paure come quella di Salvini, oppure una costruzione paranoidea della realtà come nel caso di Berlusconi. Parla di tradimenti, complotti e altre smanie della malafede, come un eroe tragico shakespeariano. Lui è responsabile delle cose soltanto quando vanno bene, questo è il suo spietato concetto di affidabilità istituzionale verso tutti. Intanto, più raffinato, il PD ha la persona giusta per dire quella cosa in quel dato momento… loro non cambiano idea, ma cambiano la persona che dirà l’idea. Una forma di selezione naturale agita da e sui portatori di idee". Poi ha aggiunto: "E’ una cosa che dobbiamo al paese, il tentativo di incontrarci su dei temi con questi personaggi, escludendo quelli assolutamente impossibili. Il PD e l’accozzaglia che attende il cedimento strutturale del suo garante, Berlusconi, credono davvero che vogliamo allearci con loro? Oppure sono i media, ed è la gente a crederlo?".

Poi, da vero padre spirituale, Grillo ha invitato i sostenitori del Movimento a non mollare, augurandosi anche che tutti riescano a trarre delle conclusioni da quanto accaduto negli ultimi 2 mesi: "Ma non è quello che pensiamo noi, confondere un accordo su dei temi con un’alleanza è come confondere un contratto d’affetto con l’amicizia. Le parole perdono il loro significato, la politica anche, i diritti pure… trascinati in basso da quelli che si aggrappano alla piccola fiducia residua degli italiani. Non importa se la trascineranno a fondo con loro, quello che conta è continuare a generare la loro “confusione ideale”. Non sta certo a noi far dimenticare agli italiani quello che è stato fatto al paese negli ultimi 25 anni, non troveranno mai nel nostro entusiasmo il pretesto per continuare a nausearci. La democrazia non è un fenomeno che dura il tempo di una tornata elettorale: loro sperano che la gente lo dimentichi, noi non lo faremo. In alto i cuori!"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO