Diritti LGBT, il ministro Fontana blocca Monica Cirinnà su Twitter

"Il Ministro Lorenzo Fontana mi ha bloccata su Twitter. Pensavo di aver fatto un bel gesto nel presentarmi e salutarlo"

Monica Cirinnà e Lorenzo Fontana al Senato

Il nuovo Ministro della Famiglia Lorenzo Fontana e la senatrice Monica Cirinnà sono agli antipodi. Il primo è noto per le sue posizioni anti-gay e contro l'aborto, la seconda è riuscita nella storica impresa di portare le Unioni Civili in Italia e per continuare a battersi giorno dopo giorno anche per i diritti delle persone LGBT nel nostro Paese.

Due posizioni totalmente opposte, con Monica Cirinnà che in questi ultimi giorni non ha perso occasione per rispondere alle dichiarazioni contro le famiglie arcobaleno del ministro Fontana. I due si sono anche incontrati l'altro giorno al Senato, quando il governo Conte ha chiesto e ottenuto la fiducia, ma qualche ora fa la senatrice si è accorta di essere stata bloccata su Twitter proprio da Fontana.

Un gesto piuttosto ridicolo e per nulla maturo da parte di Fontana o del suo staff, che oggi è diventato di dominio pubblico quando Monica Cirinnà ha condiviso un post su Facebook con tanto di screenshot:

Il Ministro Lorenzo Fontana mi ha bloccata su Twitter.
Pensavo di aver fatto un bel gesto nel presentarmi e salutarlo! Forse teme #ParoleOstili ?
Speriamo non mi blocchi anche su Facebook.

La senatrice ha rincarato la dose in un'intervista concessa oggi a La Repubblica:

Sono davvero sorpresa perché io non gli avevo mai scritto su Twitter né avevo citato il suo account. Diciamo che la sua è stata una mossa preventiva. [...] Forse non è lui a gestire direttamente i suoi social, eppure pensavo di aver fatto un bel gesto andandogli incontro in Senato prima del dibattito sulla fiducia.

Monica Cirinnà aveva incontrato Fontana al Senato e aveva scambiato con lui poche parole:

Era stato molto gentile. C'era poco tempo a disposizione, la presidente aveva già suonato la campanella. Gli avevo detto che ci tenevo a parlargli di persona, visto che ci eravamo già scontrati a distanza. Io ci tengo ai rapporti umani. Anche perché sono abituata ad essere attaccata. Era stato cordiale. Spero che bloccarmi su Twitter sia stata solo l'iniziativa infelice di un social media editor. Ricordo che negli Stati Uniti una giudice ha stabilito che il presidente Trump non può bloccare chi lo critica sui social.

Il ministro Fontana non ha ancora replicato, quindi non sappiamo se il blocco sia stato fatto in queste ultime ore o se, viste le sue posizioni ben note e il lungo percorso delle Unioni Civili in Italia, lo abbia fatto qualche anno fa.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 84 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO