Aquarius, una parte dei migranti sarà portata a Valencia da navi italiane

Una nave della Marina italiana e una della Guardia costiera in soccorso dell'Aquarius.

Migranti a bordo della Aquarius

17.47 - Palazzo Chigi ha risposto con una nota alle accuse proveniente dalla Francia (Qui il testo)

16.08 - Sophie Beau, vicepresidente di SOS MEDITERRANEE, ha fatto il punto della situazione: "Anche se questa è ben lungi dall’essere la soluzione migliore per le persone salvate, siamo sollevati dal fatto che una soluzione sia stata finalmente trovata per consentire l’approdo di 629 tra uomini, donne e bambini in un luogo sicuro in Spagna. Tuttavia, il viaggio non è finito e le persone soccorse dovranno navigare altri 1500 chilometri prima di raggiungere questo porto sicuro. La gente sta ancora fuggendo dalla Libia mentre la Aquarius è lontana dalla zona di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale e i mezzi di salvataggio sono totalmente insufficienti. Negli ultimi giorni abbiamo visto che persone, città e Paesi possono e sono disposti a mobilitarsi con forza, ma la questione del soccorso in mare deve diventare una priorità assoluta all’ordine del giorno degli Stati europei. Ancora una volta SOS MEDITERRANEE esorta l’Europa a mettere la sicurezza e la protezione delle persone prima delle considerazioni politiche".

16.05 - Luigi di Maio è stato intercettato dai cronisti davanti a Montecitorio e quando gli sono state riportare le parole di Macron ("Italia cinica e irresponsabile") e quelle del deputato Gabriel Attal ("Governo italiano vomitevole"), Di Maio si è limitato a sorridere e ad affermare: "Proprio loro parlano". Il Carroccio ha invece contrattaccato "Vomitevole è la posizione della Francia".

15.40 - Il giornalista ed ecologista Gianfranco Mascia ha annunciato oggi di aver presentato un esposto contro Matteo Salvini presso la Procura di Roma.

14.30 - Mentre da Francia e Spagna piovono pesanti critiche nei confronto dell'Italia e del governo di Giuseppe Conte, la Guardia Costiera italiana ha confermato stamattina che il trasferimento della nave Aquarius fino al porto di Valencia sarà assicurato "nelle condizioni di massima sicurezza possibile per le persone presenti a bordo".

Ci vorranno circa 4 giorni affinché la nave arrivi a destinazione e anche per questo si è reso necessario il trasbordo di alcuni migranti su due diverse navi, la Dattilo della Guardia Costiera e una nave della Marina Militari. Lì, a bordo delle due navi italiane, sarà presente il personale dell'Unicef per il supporti ai tanti minorenni presenti a bordo, così come alcuni medici dell'ordine di Malta che si occuperanno della salute dei migranti durante il viaggio.

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini riferirà domattina al Senato sul caso della nave Aquarius, come richiesto in queste ultime ore dal capogruppo del Partito Democratico al Senato, Andrea Marcucci.

13.15 - Il silenzio di stamattina di Luigi Di Maio e Matteo Salvini sarà interrotto con ogni probabilità nel primo pomeriggio di oggi. Al momento, infatti, i due vicepresidenti del Consiglio stanno incontrando Giuseppe Conte a Palazzo Chigi e sembra che l'oggetto dell'incontro sia proprio la gestione dei migranti e dei flussi migratori che non accennano a diminuire.

Intanto il Presidente della Camera Roberto Fico, oggi a Napoli, ha voluto ringraziare la Spagna per essersi offerta di accogliere la nave Aquarius e i migranti che si trovano a bordo:

La solidarietà deve essere di tutti i Paesi europei, devono esserci quote proporzionali distribuite in modo equo secondo calcoli giusti. E' quella la direzione. Una solidarietà condivisa europea. Io ringrazio la Spagna che ha fatto un gesto di solidarietà e i Paesi del Mediterraneo devono essere uniti nel chiedere una politica differente dell'Europa. E penso che si dovrà andare a parlare sui tavoli europei del Regolamento di Dublino.

12.57 - Giungono nuove informazioni a proposito di quanto sta succedendo ai migranti a bordo dell'Aquarius. Ora si è venuto a sapere che ieri quattro donne incinte e un bambino sono state prelevate dalla nave e portate a Lampedusa per ricevere assistenza.

12.10 - La proposta della Corsica di fare attraccare la nave Aquarius e accogliere così i migranti a bordo è stata prontamente frenata dalla Francia, di cui la Corsica è a tutti gli effetti dipendente politicamente. A chiudere la porta è stato il segretario di Stato per il Ministero per l'Europa e gli Affari Esteri, Jean-Baptiste Lemoyne:

"Cosa dice il codice internazionale? Dobbiamo andare al porto più sicuro e più vicino, e possiamo vedere che la Corsica non è il porto più sicuro e più vicino"

Lemoyne ha riconosciuto come la situazione che si è venuta a creare richieda risposte nazionali e ha anche difeso l'operato della Francia:

"La Francia prende più della sua quota, nel senso che è impegnata nel teatro libico per stabilizzare la situazione, nel senso che ci impegniamo ad accogliere in tre anni 10 mila persone che posso richiedere asilo"

11.50 - Intanto, mentre si attendono conferme da organi ufficiali sul destino dei 629 migranti, Alessandro Porro ha confermato stamattina a Radio Anch'io che uno degli uomini a bordo, reduce dai traumi subiti quando era rinchiuso in un campo di detenzione in Libia, avrebbe cercato di togliersi la vita a bordo dell'Aquarius.

11.45 - I 500 migranti trasferiti questa mattina sulle navi italiane giunte in supporto della nave Aquarius mettersi presto in viaggio verso la Spagna, mentre al momento non sono ancora arrivate conferme sul destino di quelli che resteranno a bordo dell'Aquarius. Si rincorrono indiscrezioni secondo le quali potrebbero venir sbarcati a Pozzallo - la Prefettura ha autorizzato nella notte l'invio di viveri e medicinali, effettivamente consegnati nelle prime ore di oggi dopo un viaggio di 4 ore - ma al momento né il sindaco né la Prefettura hanno confermato o smentito.

La vicenda dei migranti imbarcati sulla nave Acquarius fa male al cuore, genera un sentimento di tristezza, soprattutto pensando a quanti altri giorni in mare dovranno trascorrere prima di arrivare in Spagna, ma da uomo delle istituzioni mi devo attenere a quanto deciso in ambito nazionale.

Queste le parole del sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna.

11.03 - 500 migranti sono stati trasferiti dall'Aquarius a due navi italiane, una della Guardia costiera e l'altra della Marina militare.

10.55 - È stato ufficializzato che l'Aquarius sbarcherà a Valencia. SOS Mediterranée ne ha dato conferma spiegando che intanto la nave è stata rifornita e aggiungendo: "I team sono sollevati che si inizi a trovare una soluzione sebbene il risultato sia un prolungamento del tempo in mare non necessario per i naufraghi e una riduzione dei mezzi di soccorso"

10.20 - La Corsica si è detta disponibile a far attraccare la nave Aquarius ed accogliere i 629 migranti ospitati a bordo da quasi tre giorni. A farsi avanti è stato il presidente dell'Assemblea della Corsica, Jean-Guy Talamoni, con un tweet pubblicato nella notte:

L'Europa deve fare i conti con la questione umanitaria. Data la posizione della nave e l'urgenza, credo che sarebbe naturale aprire un porto corso per aiutare queste persone in difficoltà.

Talamoni presiede l'Assemblea della Corsica, corrispondente più o meno ad un consiglio regionale francese dotato però di poteri deliberativi aggiunti. Il vero e proprio governo regionale della Corsica, però, è rappresentato dal Consiglio Esecutivo, presieduto invece da Gilles Simeoni.

Quello di Talamoni, in definitiva, sarebbe un suggerimento rivolto all'Esecutivo, non un vero e proprio invito al governo locale.

9.25 - All'alba di oggi, martedì 12 giugno 2018, la sala operativa della Guardia costiera di Roma ha deciso che una parte dei migranti a bordo dell'Aquarius sarà portata a Valencia da navi italiane. L'imbarcazione di Sos Mediterranée aveva caricato cento persone in più della sua capienza e sarà aiutata da una nave della Marina italiana e da una della Guardia costiera. Sull'Aquarius resterà circa un terzo dei migranti.

SOS Méditerranée Italia stamattina ha twittato: "La nave Aquarius riceverà rifornimenti da un'imbarcazione italiana. Secondo il piano del MRCC di Roma i naufraghi a bordo verranno trasferiti su navi italiane e condotte a Valencia".

Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli stamattina è intervenuto nel corso del programma radiofonico Circo Massimo e ha spiegato:

"È stata una decisione presa stanotte nel vertice con il premier e le Capitanerie. Stamattina abbiamo mandato viveri, monitorato la situazione dei passeggeri per mettere in sicurezza le donne incinte, ma hanno rifiutato. Stamane manderemo vedette e navi per portarli verso Valencia"

Poi ha aggiunto:

"C'è stato "il giusto pragmatismo politico che prima non c'era. Nessuno prima parlava di Malta che rispondeva negativamente alle richieste di accoglienza. Non abbiamo messo in pericolo la vita di nessuno, i migranti sono stati soccorsi da navi italiane"

Per Medici Senza Frontiere questo modo di agire non è una buona idea:

"Significa costringere persone in sofferenza che sono a bordo da più di 72 ore ad effettuare un viaggio duro e difficile per altri quattro giorni. La cosa più sensata sarebbe invece quella di consentire il loro sbarco in Italia e poi trasferirli via terra in Spagna"

Intanto la Sea Watch 3, nave dell'omonima Ong tedesca, ha rifiutato di accogliere a bordo una parte dei migranti dell'Aquarius, sostenendo che non ci siano né le condizioni di sicurezza, né quelle politiche per affrontare un viaggio del genere. Ieri il ministro dell'Interno Salvini aveva detto che la Sea Watch avrebbe avuto lo stesso trattamento dell'Aquarius.

Nelle ultime ore la Guardia di Finanza ha intercettato un'altra barca a vela con una cinquantina di migranti nei pressi di Marzamemi, nel Sud della Sicilia, mentre a Catania è attesa la nave Diciotti della Guardia costiera italiana con a bordo 937 persone, che potranno sbarcare sul suolo italiano su autorizzazione del Viminale la cui linea per ora sembra chiara: sì agli sbarchi da navi militare italiane, no a quelli da navi di Ong straniere.

Foto © Kenny Karpov/SOS Mediterranée

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 82 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO