Maurizio Martina (Pd): "Gestione sconsiderata del caso Aquarius. Italia rischia isolamento"

Il reggente del Pd critica la gestione del problema da parte di Matteo Salvini.

Maurizio Martina con Pedro Sánchez

Maurizio Martina è intervenuto stamattina nel corso della trasmissione "Radio anch'io" per commentare il caso che sta tenendo banco in queste ore, ossia quello della nave Aquarius carica di migranti a cui il ministro dell'Interno Matteo Salvini non ha dato l'ok per lo sbarco in Italia. Quando gli è stato fatto notare che secondo alcuni giornali oggi quella di Salvini potrebbe essere una svolta a livello europeo, Martina ha detto:

"Non credo che siamo vicini a una svolta. Tutta questa vicenda è stata utilizzata, ahimè, in maniera propagandistica da Salvini. Basta vedere la gestione di questi minuti: navi militari che devono scortare in parte i migranti in Spagna, una gestione obiettivamente sconsiderata, poteva essere gestita in maniera più sicura e lineare. Questo non toglie che è aperto da tempo in Europa un grande confronto su come l'Europa fa un salto di qualità nel governo di fenomeni complessi come questo. Ma aver scambiato la gestione di un caso specifico con un tema di fondo che è aperto da tempo in Europa e che va risolto con un salto di qualità nelle politiche europee io lo considero un errore"

A Martina è stato detto che anche la Corsica si è fatta avanti dopo la Spagna per accogliere i migranti, quindi Salvini potrebbe aver europeizzato la crisi, ma il reggente del Pd ha commentato:

"Vedremo se sarà così. Vedremo se l'Europa farà effettivamente un salto di qualità nelle sue politiche di governo quotidiano di queste vicende. Fin qui in Europa hanno prevalso le posizioni, come quella di Salvini che hanno sempre tese a non costruire politiche coordinate di gestione di questo fenomeno. Faccio presente che chi sta cercando di dare una mano umanitaria a queste situazioni sono i governi di centrosinistra, il caso spagnolo è quello più evidente in queste ore, e sono l'esatto contrario delle politiche di destra, come quelle di Orban, che hanno sempre demolito qualsiasi possibilità di un avanzamento delle politiche coordinate in chiave europea. Io mi permetto di dire che oggi, di fronte al mondo in cui si è gestito un caso specifico come l'Aquarius, non è vero che l'Italia ha fatto fare all'Europa la svolta necessaria, noi rischiamo di essere più isolati. Se guardo alla concretezza del problema interessa capire se davvero l'Europa riesce a fare un salto quotidiano nell'intervento rispetto a questo fenomeno oppure no. La riforma del regolamento di Dublino è fallita perché i governi di destra hanno demolito qualsiasi proposta"

Infine è stato fatto notare a Martina che molti radioascoltatori continuavano a sostenere la posizione di Salvini, e il deputato Pd ha spiegato:

"Su questi temi bisogna mettere in campo dei ragionamenti, non seguire la popolarità o l'impopolarità. Mi permetto di ricordarvi e di dire che io non voglio vivere in un Paese in cui il vicepresidente fa un post con la sua foto e l'hashtag #portichiusi e faccia propaganda su 629 vite. In Europa troveremo i veri nemici di questo salto di qualità che sono amici di Salvini"

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 722 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO