Migranti, Martina: "Oggi l'Italia è più debole in Europa"

"Va denunciato ancora il fatto che lo si fa sulla pelle di queste persone. Non è così che si risolvono i problemi".

Maurizio Martina nel 2017

Il caso della nave Aquarius respinta dall'Italia, con le conseguenze diplomatiche che stiamo già vedendo con la Francia e la Spagna, continua ad essere al centro del dibattito politico italiano ed europeo. Oggi ad intervenire è stato ancora una volta il segretario reggente del Partito Democratico Maurizio Martina, uno dei pochi dell'opposizione che si è speso contro le azioni del governo di Giuseppe Conte.

Oggi, a margine dell'assemblea di Confesercenti, Martina ha parlato apertamente di operazione di propaganda attuata dal nuovo governo:

Si è fatta un'operazione di propaganda sulla pelle di 600 persone e il tema vero rimane ancora il salto di qualità delle politiche europee, oggi più di ieri è più complesso dopo quello che è accaduto.

Secondo Martina, oggi la posizione dell'Italia in Europa non è affatto più forte rispetto a poche settimane fa. Anzi, il segretario reggente del PD è convinto che la situazione che si è venuta a creare sia controproducente:

Non se è chiaro, l'Italia non è più forte in Europa oggi, l'Italia è più debole in Europa oggi. Pensare di organizzare bracci di ferro tra Paesi come è accaduto tra domenica e queste ore e non invece affrontare con serietà il governo di questi fenomeni è un abbaglio. Va denunciato ancora il fatto che lo si fa sulla pelle di queste persone. Non è così che si risolvono i problemi.

Foto | Facebook

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO