USA, giudice ordina il ricongiungimento delle famiglie separate da Trump

La decisione del Presidente USA Donald Trump di separare le famiglie di immigrati messicani che hanno tentato di varcare il confine - gli adulti in centri detentivi e i bambini in rifugi separati sotto il controllo del governo USA - ha provocato polemiche e proteste che, nelle ultime ore, sono state appoggiate da una storica sentenza di un giudice di San Diego, chiamato ad esprimersi sul caso di una bambina di 7 anni separata dalla madre congolese e sul caso di un ragazzo di 14 anni separato dalla madre brasiliana.

La sentenza, emessa ieri sera dal giudice distrettuale Dana Sabraw, è già storica: stabilisce infatti che la decisione dell'amministrazione di Donald Trump è incostituzionale e che tutti i bambini che hanno meno di 5 anni devono essere riuniti con le rispettive famiglie entro 14 giorni, mentre se i bambini hanno più di 5 anni il tempo di separazione non può superare i 30 giorni.

Ma a sfidare la decisione di Trump - che la settimana scorsa, dopo esser stato travolto dalle polemiche, ha firmato un ordine esecutivo per tamponare questa situazione, ma in quell'ordine esecutivo non viene annunciata la fine di queste separazioni né viene detto nulla a proposito degli oltre 2mila bambini già separati dai genitori dalla fine di maggio ad oggi - non è stato soltanto il tribunale di San Diego: in queste ore ben 15 Stati USA stanno facendo causa all'amministrazione di Donald Trump perchè convinti che l'ordine esecutivo firmato da Trump nega alle famiglie di migranti un giusto processo e il diritto di richiedere asilo.

A sfidare Trump sono, per ora: Massachusetts, Delaware, Iowa, Illinois, Maryland, Minnesota, New Jersey, New Mexico, North Carolina, Oregon, Pennsylvania, Rhode Island, Vermont, Virginia e il Distretto di Colombia.

Al momento, secondo i dati diffusi dall'Office of Refugee Resettlement, sono 2.047 i figli di migranti sotto il controllo del governo degli Stati Uniti, divisi tra vere e proprie celle di detenzione, tende nel deserto al confine col Messico o magazzini convertiti per l'occasione.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO