Brexit, May: "Stop ad europei in cerca di lavoro"

"Per la prima volta, da decenni, avremo il pieno controllo dei nostri confini".

gettyimages-994830842.jpg

"Non sarà più consentito alle persone di arrivare dall'Europa nella vana speranza che possano trovare un lavoro". Theresa May ha annunciato la stretta sul fronte immigrazione in Gran Bretagna, uno dei temi principali - forse il più scottante - che ha portato i britannici a votare per l'uscita dall'Unione Europea nel giugno 2016. Le trattative tra Gran Bretagna e l'Unione Europea sono in corso, ma nell'accordo bilaterale sicuramente non ci sarà la libera circolazione delle persone.

Negli ultimi anni gli immigrati hanno rappresentato una risorsa essenziale per lo sviluppo della Gran Bretagna, ma da adesso in avanti sarà il Paese a determinare i flussi: "accoglieremo sempre i professionisti qualificati che aiutino la crescita del nostro Paese, dai medici alle infermiere, dagli ingegneri agli imprenditori, ma per la prima volta da decenni avremo il pieno controllo delle nostre frontiere. Sarà il Regno Unito e non Bruxelles a decidere chi può lavorare e vivere qui".

La May ha annunciato di voler "rispettare veramente la volontà del popolo britannico". Per questo il suo piano punta a porre fine alla libera circolazione dei cittadini europei, così come a mettere "fine alla giurisdizione della Corte di Giustizia europea".

Discorso diverso, invece, per quanto riguarda i rapporti commerciali con i Paesi dell'Ue. In questo caso il Governo di Londra punta a mantenere invariata la situazione. L'obiettivo è anche quello di mantenere "aperto" il confine tra Irlanda del Nord ed Eire.

Pubblicato da Theresa May su Giovedì 12 luglio 2018
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 51 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO