Fraccaro: "Governo proporrà riforma costituzionale con riduzione dei parlamentari: 400 deputati e 200 senatori"

Vinta la prima battaglia, quella dei vitalizi, Fraccaro è a lavoro su un disegno di legge di riforma costituzionale.

Riccardo Fraccaro

Il ministro per i Rapporti Parlamentari e la Democrazia Diretta Riccardo Fraccaro oggi è stato protagonista di un'audizione davanti alla Commissione Affari Costituzionali della Camera nel corso della quale ha annunciato che il governo presenterà un disegno di legge che prevederà una drastica riduzione del numero di parlamentari.

Fraccaro, che ha il compito di occuparsi delle riforme, ha detto che l'idea è di arrivare fino a 400 deputati (dai 630 attuali) e ai 200 senatori (dai 315 attuali). Secondo lui i risultati che si otterranno non saranno solo in termini di spesa, perché ovviamente si ridurranno i costi della politica, ma anche da un altro punto di vista e cioè migliorerà il "processo decisionale nell'interesse dei cittadini".

Finora Fraccaro si è occupato principalmente del taglio dei vitalizi, una battaglia vinta almeno alla Camera e infatti proprio oggi ha festeggiato davanti a Montecitorio insieme al collega di governo e di partito Luigi Di Maio. Qualche giorno fa il ministro dei Rapporti Parlamentari aveva anche annunciato l'intenzione di abolire il CNEL, definendo in un'intervista all'Huffington Post "un ente inutile che gli strumenti di partecipazione possono sostituire garantendo rappresentanza alle forze sociali" e aggiungendo: "Il mio sogno è fare della bellissima sede liberty, villa Lubin, la Casa della partecipazione e della democrazia diretta". A differenza di quello che fece Matteo Renzi, inserendo l'abolizione del CNEL in una riforma costituzionale onnicomprensiva, Fraccaro ha già spiegato che la presenterà separatamente e dunque non sarà accorpata nella proposta di riforma del numero dei parlamentari.

Foto © Camera dei Deputati

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 88 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO