Salvini: "castrazione chimica per gli stupratori"

Salvini ne ha parlato dopo il caso della barista violentata a Piacenza

Matteo Salvini

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ricorda che la castrazione chimica per gli stupratori è "una proposta della Lega da anni". Salvini ne ha parlato in relazione al caso della barista di Piacenza che ha denunciato di essere stata imbavagliata, legata e stuprata per ore l'altra notte. Il presunto violentatore è stato arrestato oggi a Milano.

Salvini in un post su Facebook ha ricordato che l'uomo fermato era già "agli arresti domiciliari ma beneficiava di permessi per andare a lavorare". Il ministro ha poi ringraziato le forze dell'ordine "per la rapidità di azione" mandando "un abbraccio alla ragazza".

La castrazione chimica per gli stupratori - ha aggiunto poi Salvini - è una "sperimentazione in vigore in tanti Paesi civili, dove si ritiene che chi mette le mani addosso a una donna o a un bambino vada curato, non solo incarcerato. Chi violenta va accompagnato in un percorso che gli impedisca di farlo per il resto dei suoi giorni".

La castrazione chimica si basa su farmaci a base di ormoni che riducono la libido e in genere non ha carattere definitivo.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2965 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO